Tempo di lettura stimato: 1 minuto

Locandina Omparty

Locandina Omparty

Continua senza sosta l’attività della PICANTO RECORDS, etichetta discografica del produttore calabrese Sergio Gimigliano, che dopo i grandi successi ottenuti dalla distribuzione internazionale (a cura di Egea Distribution) degli ultimi cd (tra cui “Lifetime” a firma di Daniele Scannapieco, “Afrocentradelic” di Michele Papadia con Bearzatti, Accardi e Petrella; “Tenor Legacy” del quartetto Scannapieco/Ionata/Rogers/Penn e “WASABI” del trio Gwis/Feliciati/Smimmo), ha appena pubblicato l’album “L’ISOLA DELLA POMICE”, nuovo lavoro del trio Omparty capitanato dal multipercussionista Leon Pantarei.

Il disco, che contiene sette composizioni originali, tutte a firma del leader e degli altri due componenti del trio Omparty (il pianista Roberto Cherillo e il chitarrista Pasqualino Fulco), verrà presentato in ANTEPRIMA NAZIONALE domani sera, sabato 4 luglio, a ROMA presso la CASA DEL JAZZ alle ore 21.00

Per l’occasione, il trio di Pantarei sarà affiancato dal trombettista Luca Aquino, nuovo talento del jazz italiano, già presente nel disco insieme al trombonista Joseph Bowie.

Leon Pantarei, multi percussionista calabrese (collaboratore di jazzisti come Antonello Salis, Lutte Berg, Liza Werkerk, Paul Mccandless, ecc., noto anche in ambito pop per le sue collaborazioni con Pino Daniele, Mango, Teresa De Sio, Mariella Nava ed altri), guida il progetto Omparty, che pone all’attenzione del mondo del jazz e “dintorni” una nuova proposta discografica e live che si caratterizza per originalità ed impatto.

Il progetto muove da Miles e dalla rilettura del modale, ma, grazie anche all’impianto percussivo di Leon (composto da tabla, bendir, darbouka, doira, bass djembè, tambora tiger e tambora conga, assemblati in un contesto jazzistico originale e, per certi versi, sorprendente), percorre, con assoluta originalità, anche i fascinosi territori del “Folklore immaginario”.

Coadiuvato nel progetto da Pasqualino Fulco alle chitarre acustiche (6 strings e 12 strings) e guitar sinth, e da Roberto Cherillo al , e voce, il leader, con il suo handpercussion set “from four worlds” (Africa, Medio Oriente, India/Pakistan e America del Sud) contribuisce a riaprire il discorso su quale possa essere la strada (o le strade) verso le musiche possibili in qualche modo classificabili come jazz, in quanto basate sull’.

L’Isola della Pomice (17° lavoro discografico pubblicato dalla Picanto Records), è il primo album del trio, al quale hanno partecipato, in qualità di special guest, Joe Bowie, trombonista fratello del “mitico” Lester e Luca Aquino, giovane trombettista costantemente annoverato tra i nuovi talenti del jazz italiano.

L’ascolto di Omparty conduce ad una sensazione di grande trasporto, nel quale l’energia del ritmo e la profondità dei temi e delle melodie interagiscono e dove l’alto contributo dei solisti nulla sottrae alle magiche atmosfere di un impianto sonoro assolutamente poetico.

Articoli scelti per te:

Ti è piaciuto l'articolo? Lascia un commento!

Commenti

commenti