Tempo di lettura stimato: 4 minuti

Giampaolo Ascolese

Giampaolo Ascolese

Giampaolo Ascolese si esibirà a Villa Celimontana il 3 agosto con la Clsse Jazz del Conservatorio Giovambattista Martini di Bologna.
Il CONSERVATORIO GIOVAMBATTISTA MARTINI di BOLOGNA è uno dei Conservatori più longevi, ma allo stesso tempo più moderni che ci siano in Italia. Questo perché ha nel suo parco insegnanti, oltre ad un Direttore lungimirante ed uno staff collaborativo altamente professionale ed entusiasta, anche i migliori concertisti di musica classica ed i più esperti insegnanti di Jazz, sia didatticamente che creativamente.

Il corso di Jazz , attivo sin dal 1971 ha avuto, dapprima con Ettore Ballotta, poi con il susseguirsi per molti anni dell’insegnamento di Tomaso Lama, una vastissima eco nazionale per l’affluenza ed il gradimento degli studenti che vengono da tutta Italia. Ultimamente si è aggiunto, come insegnante della seconda Cattedra di Jazz, Giampaolo Ascolese che, essendo batterista e percussionista, ha offerto il suo contributo ritmico-timbrico, con le sue classi di Musica d’insieme al già robustissimo apporto melodico-armonico instaurato da Tomaso Lama in tutti questi anni. Ed infatti la serata che propone il Conservatorio Martini è il frutto di tutto lo studio annuale delle classi di Musica d’insieme tenute da Giampaolo Ascolese, con uno sguardo agli del Jazz, sguardo a 360° rivolto però a tutta la musica, sia americana sia europea, che il Conservatorio di Bologna è abituato a proporre a tutti i propri studenti. C’è infatti sia l’omaggio a grandi compositori e strumentisti americani, come , Thelonious Monk, Miles Davis e tanti altri, sia l’omaggio a grandi compositori Inglesi come i Beatles, o brani originali che rispecchiano la multietnicità tipica della splendida città che ospita il Conservatorio Martini ed anche una delle più grandi Università in Europa: Bologna .

Classe di Jazz tenuta da Tomaso Lama e da Giampaolo Ascolese
Musicisti :
CHRISTIAN FERLAINO, alto sax
FEDERICO PIERANTONI, trombone
CLAUDIA PANTALONE, voce
ANGELA ESMERALDA PEPE, voce
FABIO TUMINELLI, contrabbasso
DANIELE VETTORI, chitarra
LUCA PIERPAOLI, pianoforte
GIAMPAOLO ASCOLESE, batteria, vibrafono

Il 16 agosto Ascolese si esibirà all’ Etruria Jazz Festival con il Mike Melillo “Bopcentric” Trio
Il MIKE MELILLO ”BOPCENTRIC” TRIO è il frutto della storica collaborazione di Giampaolo Ascolese con il grande pianista americano Mike Melillo, vincitore di un prestigioso “Grammy Awards” nel 1979 con il gruppo di Phil Woods. La collaborazione con Mike Melillo e Massimo Moriconi, che dura da più di 15 anni, ha al suo attivo sei CD, di cui uno con il grande Chet Baker e due omaggi a Thelonious Monk e Bud Powell. Mike Melillo è oggi considerato uno degli ultimi grandi pianisti americani che conoscono alla perfezione tutto il repertorio degli “Standards” e dei “Song Books” americani degli stupendi film con Fred Astaire, Ginger Rogers e tutte le commedie musicali di Broadway.

MIKE MELILLO (pianoforte) è nato a Newark, nel New Jersey, nel 1939. Si è diplomato in pianoforte e composizione alla Rutgers University ed ha collaborato prestissimo con i grandi del Jazz americano, quali Coleman, Hawkins, B. Webster, S. Rollins e J. Hall. Profondo conoscitore sia del linguaggio jazzistico sia di quello della musica contemporanea (il suo disco “Sepia” era esplicitamente dedicato a Charles Ives), Melillo è un pianista dalla tecnica smagliante, nel cui stile si fondono l’esperienza di Bud Powell, di Thelonious Monk e, specialmente nelle ballads, di Art Tatum. Dopo essere stato per circa otto anni una delle colonne portanti del quartetto di Phil Woods, Mike Melillo si è dedicato dapprima all’esperienza del piano solo, per poi arrivare a sperimentare la formula del trio piano, contrabbasso, batteria. Suoi partners abituali sono Massimo Moriconi al contrabbasso e Giampaolo Ascolese alla batteria. Con essi, Mike Melillo ha inciso ben sei CD, uno dei quali con Chet Baker come ospite, con arrangiamenti musicali scritti dallo stesso Melillo. Sempre con lo stesso trio ha partecipato a numerosissimi festivals del Jazz tra i quali il “Prague Spring 92”. In questo momento Mike Melillo vive in Pennsilvanya dove continua con grande successo la sua attività di didatta e di musicista.

MASSIMO MORICONI (contrabbasso), contrabbassista e bassista, ha suonato con i più grandi jazzisti americani e prestigiosi gruppi italiani: Saxes Machine, trio di Enrico Pieranunzi, Tullio De Piscopo, Massimo Urbani, Maurizio Giammarco, Danilo Rea, P. Woods, L. Konitz, A. Scheep, C. Baker, R. Hanna, B. Cobham, M. Louis, J. Griffin, S. Grossman, B. Brookmayer e tanti altri, lavorando ai più importanti jazz festival d’Europa e d’America. Dal 1984 lavora con l’Orchestra della Rai di Roma, accompagnando artisti internazionali quali Jerry Lewis, Mirelle Matieu, Liza Minnelli, collaborando con i più famosi direttori italiani: E. Morricone, A. Trovajoli, B. Canfora, G. Ferrio, L. Bacalov. Ha inciso più di cento tra dischi e CD (C. Baker, P. Woods, M. Melillo, S. Grossman, Fabio Concato, Rossana Casale, Audio 2, Bolling suite etc.). Ha inoltre inciso tre album come leader (nel 1981, 1987 e 1991) e diversi video didattici per basso e sezione ritmica. Dal 1982 è il bassista di tutte le produzioni di Mina. Suona con Fabio Concato nei Tour 1995, 1996 e 1997. Dal 1991 è direttore didattico all’Università della Musica di Roma e dal 1993 scrive articoli didattici per la rivista “Chitarre”. Nel 1992 partecipa al festival Jazz di Praga insieme all’Orchestra Sinfonica di Praga in trio con M. Melillo e Giampaolo Ascolese. Nel 1995 vince il referendum nazionale di “Guitar Club” come migliore contrabbassista e bassista di sala di registrazione e nel 1996 il referendum di “Chitarre” come miglior bassista Jazz Fusion.

GIAMPAOLO ASCOLESE (batteria) inizia la sua attività di musicista prestissimo e da subito si impone come batterista, collaborando praticamente con tutti i più importanti musicisti di Jazz italiani. Nel 1980 si reca negli Stati Uniti per un corso di specializzazione alla “Berklee School of Music” di Boston, ottenendo il massimo dei voti e facendo una serie di con musicisti locali. Tornato in Italia si diploma in strumenti a percussione al Conservatorio di Musica “A. Casella” dell’Aquila. Ha inciso più di sessanta tra album e CD e ha partecipato a più di cento festivals del jazz nazionali e internazionali. Ha suonato con molti jazzisti americani tra i quali ricordiamo C. Baker, L. Konitz, B. Kessel, D. Cherry, L. Bennet, G. Bartz, B. Watson, R. Hanna, C. Escoudè, J.Walrat, S. Nistico, S. Grossman, A. Farmer, J. Griffin, R. Briant, C. Fuller, K. Wilding. In particolare, è stato ed è tuttora il batterista del pianista Mike Melillo, con il quale ha registrato sei CD. Come batterista nell’ ambito della musica classica, Giampaolo Ascolese collabora con musicisti di caratura internazionale quali Rino Vernizzi, 1° fagotto dell’ Accademia di S. Cecilia a Roma e Giorgio Zagnoni, flautista, con il quale ha suonato alla “Carnagie Hall” di New York. Ha effettuato tournee in Svizzera, Francia, Germania, Stati Uniti, Canada, Brasile, Giappone, Spagna, Polonia, Inghilterra, Lussemburgo, Cuba. Nel campo della musica leggera ha suonato con: F. De Gregori, N. Rosso, R. Arbore, G. Paoli, N. Arigliano, S. Endrigo. Con Nicola Arigliano ha vinto il “Premio Tenco 1996”. Svolge un’intensa attività didattica, insegna alla “St.Louis Jazz Academy”di Roma ed all’Associazione culturale “Discanto” di Bracciano. Ha inoltre scritto due metodi per batteria editi dalla “Setticlavio” di Salerno ed ha una seguitissima rubrica didattica sul mensile nazionale “Percussioni”.

Articoli scelti per te:

Ti è piaciuto l'articolo? Lascia un commento!

Commenti

commenti