Tempo di lettura stimato: 1 minuto

Roberto Masotti

martedì 23 marzo 2010 ore 21.00 TEATRO ASTRA Torino

WYSIWYG è un termine del linguaggio informatico che significa “What You See IsWhat You Get“, ovvero la (im)possibilità ad ottenere nella pratica un’immagine grafica identica a quella visualizzata sullo schermo del computer. Nello stesso tempo è anche la constatazione di un gioco nella sua evidenza momentanea: c’è quel che c’è, in quell’istante. Da tale spunto, parte l’idea per ImproWYSIWYG, nuova proposta audio-visiva di Roberto Masotti con Gianluca Petrella , Michele Rabbia percussioni ed elettronica, Eivind Aarset chitarra in cui immagini e musicale dal vivo coesistono dialogando tra strumenti acustici, elettrici o elettronici, computer e schermo.

ImproWYSIWYG consiste in una proiezione di sequenze appositamente create, controllata in tempo reale via computer, sulla quale i musicisti improvvisano dal vivo; inoltre entrano in gioco brevi filmati così come frammenti di sequenze fotografiche preesistenti che, dato il contesto straniante e interattivo, finiscono con l’assumere una nuova e diversa valenza.
Astratte, narrative, con paesaggi, nature morte, oggetti, figure evanescenti: le sequenze fotografiche e filmiche sono scelte di volta in volta in base al grado di “sfida” che si viene a creare.
ImproWYSIWYG è un innovativo format performativo, quasi un gioco di ruolo, in cui la modalità multimediale (proiezione video e musicale) resta invariata mentre cambiano i musicisti chiamati a reagire: il risultato è improWYSIWYG, ovvero le infinite variazioni e modulazioni tra opera, programma e giocatori.
Press any key to play…

www.musica90.net/improwysiwyg/

I prossimi appuntamenti di “Spazi Sonori”
sabato 10 aprile ore 21
VIVA LA BLACK (Jazz)
Louis Moholo-Moholo, Keith & Julie Tippetts, Minafric Orchestra
giovedì 15 aprile ore 21
JOAKIM (Elettronica)
Joakim Bouaziz
Tutti gli spettacoli della sezione “SPAZI SONORI” sono FUORI ABBONAMENTO

www.fondazionetpe.it
www.musica90.net

Articoli scelti per te:

Ti è piaciuto l'articolo? Lascia un commento!

Commenti

commenti