Tempo di lettura stimato: 2 minuti

Roberto Gorgazzini

Roberto Gorgazzini

Venerdì 15 luglio prenderà il via la quinta edizione del festival jazz “Le Vie Del Suono 2011” a Levico terme (TN). I concerti sono gratuiti ed in caso di pioggia saranno spostati al teatro Caproni di Levico Terme

Ma diamo adesso uno sguardo al cartellone.

GORGAZZINI-CRAMEROTTI-PISETTA ORGAN TRIO

L’ OrganTrio è una formazione tipica del jazz performing che trova la sua collocazione negli anni ’50 grazie principalmente al caposcuola Jimmy Smith; inizialmente il repertorio era fortemente blues-based ma negli anni successivi l’Organ Trio ha allargato i suoi orizzonti anche verso il jazz modale (Larry Young), il funk e le forme più attuali del jazz (D. Wall, M. Medesky, S Yahel). La caratteristica principale di questa formazione è che l’organo ricopre il ruolo del , dell’accompagnamento e del solista.

II“Gorgazzini, Cramerotti, Pisetta Organ Trio” propone materiale caratteristico della formazione in Organ Trio, brani di Pat Martino, Wes Montgomery, Green Grant oltre a composizioni originali traendo ispirazione sia dalle radici blues che dalle meno datate atmosfere modali.

Roberto Gorgazzini/Organo Giuliano Cramerotti/Chitarra Stefano Pisetta/Batteria

 

LEIBNIZ

L’esigenza di trovare un momento di sintesi dei diversi sentieri musicali attraversati nel corso di un multiforme apprendistato è alla base del progettomusicale Leibniz. All’interno di questo laboratorio, negli ultimi sei anni, si è alimentata la ricerca del batterista Nelide Bandello di un proprio punto di equilibrio fra i linguaggi in precedenza metabolizzati. La sua musica si contraddistingue per una
scrittura ricca di suspence, di interrogativi, che talvolta evoca atmosfere investigative e fughe poliziesche oppure indugia in contemplazioni dalle trame dilatate ed oscure in un susseguirsi di scene quasi cinematografico. Tenendo fermo l’approccio ad un’improvvisazione spesso corale ed un linguaggio che risente sia di orchestrazioni minimalistiche che di libera improvvisazione e reminescenze rock, la formazione intensifica il suono ed il livello energetico delle esecuzioni , allontanandosi in parte dall’eredità jazz degli esordi per muoversi in un territorio più ambiguo a cavallo fra pop creativo e sperimentazioni contemporanee.

Nelide Bandello/batteria Francesco Bigoni/sax tenore, clarinetto
Giulio Corini/contrabbasso Pasquale Mirra / EnricoTerragnoli/chitarra el.podophono

 

MAURIZIO CAMARDI “Radiomondo”

Il nuovo progetto Radiomondo di Maurizio Camardi evidenzia già nel nome la forte propensione alla contaminazione con atmosfere e sonorità prese a prestito da musiche di varie parti del mondo. Un concetto non nuovo per il musicista e compositore padovano che già nei precedenti lavori aveva delineato la strada che qui prende
forma in maniera ancor più concreta. Radiomondo è una finestra aperta a ritmi, melodie e timbri che ci portano in un ideale viaggio dove la musica abbatte frontiere, confini geografici e sonori. Il quartetto è un incontro di grandi personalità. Una originale e solidissima ritmica (Fariselli, Gallo, Gandhi) si innesta sul particolare suono dei sassofoni e duduk di Camardi, sempre più suggestivo e a suo agio anche nel suo “strumentario etnico”. Radiomondo sviluppa una forte tensione spaziando tra atmosfere talvolta allegre talvolta meditative, sempre di grande coinvolgimento e impatto emotivo.

Maurizio Camardi/sassofoni, duduk, flauti etnici Patrizio Fariselli/pianoforte Danilo Gallo/contrabbasso U.T. Gandhi/batteria

Articoli scelti per te:

Ti è piaciuto l'articolo? Lascia un commento!

Commenti

commenti