Il Capolavoro Sei Tu

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

Martedì 20 dicembre 2011 ore 19.30, Tempio di Adriano, Piazza di Pietra, . L’Associazione DonnaDonnaOnlus – che lavora per prevenire, affrontare e vincere i disturbi del comportamento alimentare, – con il sostegno di Acea, Camera di Commercio, Unioncamere, Pubblicità Progresso e Anci – Associazione Nazionale Comuni Italiani –, presenta il calendario “Il Capolavoro sei tu”, che diventerà mostra itinerante in tutta Italia.

L’Italia unita contro i Disturbi del Comportamento Alimentare. Anche per il 2012 DonnaDonnaOnlus ha realizzato un calendario speciale che vuole essere strumento che accarezza l‘anima quotidianamente. Il titolo scelto è emblematico: “Il Capolavoro sei tu”, frase ispirata alla citazione del Santo Papa Giovanni Paolo II, “Prendete la vostra vita e fatene un capolavoro”.
Per accompagnare i dodici mesi dell’anno, sono state ritratte straordinarie protagoniste del mondo politico, dello spettacolo e donne comuni, con l’intento di veicolare un forte messaggio sociale e culturale. È più che mai necessaria, oggi, un’azione decisiva di prevenzione e informazione sul tema dei disturbi del comportamento alimentare, anche per cercare di superare l’esame severo di una società che ha eletto il giudizio a pregiudizio.

In dodici location storiche italiane – come il Teatro alla Scala di Milano, Palazzo Ducale a , la Loggia dei Lanzi a Firenze, la Galleria Nazionale di Arte Moderna e l’Ara Pacis di Roma, il Teatro Massimo di Palermo – donne del luogo hanno posato per dodici scatti d’autore. Donne comuni insieme a importanti protagoniste del mondo politico, culturale e dello spettacolo, tutte unite con l’intento di veicolare un messaggio fondamentale  per il mondo femminile: dobbiamo amare noi stesse e accettare i nostri… meravigliosi difetti, perché il capolavoro siamo noi!

Le fotografie ritraggono un “Made in Italy” a tutto tondo: arte, luoghi, tessuti e donne italiane.Dalle italianissime bellezze ritratte da dodici grandi artisti italiani di Black Archives, ai tessuti utilizzati per esaltare le loro forme, ai prestigiosi luoghi d’arte che hanno fatto da sfondo, fino a un altro fiore all’occhiello del Bel Paese: la cucina. Al fianco di DonnaDonnaOnlus, infatti, ci sono alcuni tra i più importanti nomi della cucina italiana tra cui Fabio Campoli, Filippo la Mantia.

Ogni foto è corredata dalla dedica esclusiva dei grandi chef, mentre la quarta di copertina li vede posare insieme a Nadia Accetti – fondatrice e testimonial di DonnaDonnaOnlus che ha sofferto per oltre 10 anni e rischiando la vita – in un bellissimo e significativo  scatto dal messaggio forte e rivoluzionario: il cibo non è il nemico da combattere.

Il calendario sarà presentato ufficialmente al pubblico, martedì 20 dicembre 2011, alle19.30 al Tempio di Adriano a Roma, in Piazza di Pietra.
Nel corso dello speciale evento, durante il quale verrà allestita una mostra fotografica,  si terrà il della Jazz Band di Pubblicità Progresso, formazione di 16 elementi, ispirata al progetto analogo messo in piedi alcuni anni fa da Bruce Springsteen per le sue “Seeger Session” è dedito alla conoscenza delle radici della musica rock, andando indietro alle sue forme basilari come folk, gospel, bluegrass e jazz.

Interverranno alcune delle donne ritratte come Maria Pia Fanfani, Chiara Boni, Fabiana Giacomotti. La musica della Jazz Band di Pubblicità Progresso, alcuni piatti preparati dai grandi chef e gli splendidi scatti del calendario testimonieranno quella gioia di vivere che DonnaDonnaOnlus intende promuovere con le sue attività. Un entusiasmo che da sempre è la bandiera dell’Associazione.

“I Disturbi del Comportamento Alimentare – ha dichiarato Nadia Accetti – sono mali dell’anima e anche se non portano ad una morte organica sono garanzia di una morte dell’anima e di conseguenza influenzano tutta la sfera personale, familiare e lavorativa di ne soffre e di coloro che sono vicini. Il nostro calendario, in continuità con le nostre attività, è un inno a non vergognarsi a farsi vedere per come si è, è un urlo di gioia alle vita e alla bellezza perché la femminilità non è volgarità e la lotta ai Disturbi del Comportamento Alimentare non è una questione di genere ma di consapevolezza abbattendo il giudizio che diventa pregiudizio. Anoressia e bulimia sono solo la punta di un iceberg e solo ormai diventati un’emergenza nazionale di pericolo Sociale”.

Articoli scelti per te:

Ti è piaciuto l'articolo? Lascia un commento!

Commenti

commenti