22-23 GIUGNO 2012 | CIRCOLO DEGLI ARTISTI – ROMA

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

Dopo cinque anni di assenza dalla sua “summer version” il Mojo Station Blues torna in chiave estiva. Una nuova occasione per godere dei suoni e delle visioni delle cultura nero e afroamericana. A cinque anni esatti di distanza è di nuovo il Circolo degli Artisti – sia nei suoi spazi esterni sia nelle sale interne – a ospitare la principale rassegna di Blues della Capitale. Una due giorni di concerti, mostre ed esposizioni fotografiche, rare movies e visual-art, eventi dedicati in toto alla ricchezza delle alterità culturali e alla loro contemporaneità, valorizzando al massimo la nuova e ricchissima scena del Blues capitolino, grazie anche alla presenza dei migliori artisti nazionali della scena.

Nelle sue edizioni precedenti, il Mojo Station Blues Festival ha ospitato artisti di comprovata fama internazionale come l’indimenticato Willie King, Corey Harris, Otis Taylor, Watermelon Slim, The Rev. Peyton’s Big Damn Band, T-Model Ford, Jimbo Mathus, John Sinclair e molti altri.

Titolo programmatico di questa ottava edizione è “…IN/OUT…”: la poetica del doppio, un classico della cultura nero ed afroamericana. Una dicotomia perfetta che trova la sua naturale esplicitazione nei due giorni della rassegna. Due giornate divise tra i suoni elettrici del 22 Giugno e quelli acustici del 23 Giugno; negli spazi esterni e interni del Circolo; nel confronto tra giovani artisti e nomi affermati. Otto anni di programmazione sono un numero mai raggiunto da nessun blues festival nella Capitale. “…IN/OUT…”: questo l’elemento segreto che ha permesso all’ Ass. Cult. Mojo Station, organizzatrice del festival, di giungere ai dieci anni di attività, proprio in questa stagione 2011-2012. Dentro e Fuori, tanto negli studi radiofonici, quanto sul territorio, con una costante ricerca sul campo di natura etno-musicologica. Risultato: l’omonimo programma radiofonico (quest’anno giunto ai dieci anni di attività), ed un Festival di caratura internazionale, che qui giunge all’edizione numero otto.

Ed ecco ora i dettagli dei concerti in programma
Venerdì 22 giugno: apertura, poco prima del tramonto, nel giardino del Circolo, con i suoni Delta Blues dei romani Dead Shrimp che presentano il nuovo disco in uscita. Segue la performance del bluesman Angelo “Leadbelly” Rossi, vecchia e apprezzatissima conoscenza del festival, e quella dell’headliner Hollow Belly, one-man band di culto della scena inglese, per la prima volta in Italia: il suo Punk-Blues è oggetto di culto tanto nei club garage-punk londinesi, quanto nel circuito indie-blues. Italiana. Dalle H 24:00 dj-set a cura di Mojo Station [Afro Beat; Funky & New Orleans Bitz; Soul & Blues Groove].

Sabato 23 giugno: la seconda giornata del Festival è dominata dai suoni acustici: tra gli ospiti il giovanissimo ma estremamente preparatoo SpookyMan, one-man band romano dal grande talento che si esibirà nel Garden. Si passa all’interno, nella Main Room, con il capitolino The Blues Against Youth, reduce da un lughissimo tour europeo per presentare il suo primo disco. Eccellente happening finale con lo show di Luke Winslow King, chitarrista e cantante, già indicato dai più come il miglior talento del Nu-Acoustic Blues di New Orleans. Qui si presenta accompagnato dal suo trio: washboard e , oltre alla partecipazione eccezionale di Roberto Luti, eccelso chitarrista italiano ormai neworleansiano d’adozione, protagonista dei cliccatissimi video su You Tube della serie “Playing For Change”, organizzazione no-profit internazionale e progetto multimediale formato da musicisti da tutto il mondo. Qui il link a una delle sue performance (1 milione di visualizzazioni): www.youtube.com/watch?v=KP0P_czfguo. Anteprima europea e italiana per questa formazione.
Dalle H 24:00 dj-set a cura di Superfunk (70’s Funk’n’Disco, Hot DanceFloor).

Illustrazioni & visual-art del Festival sono a cura di Andrea Malis.
Direzione artistica a cura dell’Ass. Cult. Mojo Station, già autrice di numerose altre iniziative volte alla diffusione della musica e della cultura nera e afroamericana in ambito cittadino, nonché realizzatrice del format radiofonico “Mojo Station – Il Blues e le Sue Culture”, in onda ininterrottamente dal 2002 dalle frequenze di Radio Popolare Roma 103.3 fm.

Articoli scelti per te:

Ti è piaciuto l'articolo? Lascia un commento!

Commenti

commenti