Tempo di lettura stimato: 14 minuti

Dagnino, Haslam, Pastor,Waterman ‎– “Narcéte” – Slam 542

Dagnino, Haslam, Pastor,Waterman ‎– “Narcéte”

Dagnino, Haslam, Pastor,Waterman ‎– “Narcéte”

Album tutt’altro che facile questo che vede impegnata la poetessa Erika Dagnino accanto ad un gruppo di musicisti d’avanguardia come il violinista Stefano Pastor (qui anche al contrabbasso) e i due inglesi, George Haslam al sax tenore ed al tarogato e Steve Waterman alla tromba. Come spesso accade quando si incontrano versi e note, il risultato è sicuramente straniante per chi non è abituato a questo tipo di espressione, anche se spesso viene raggiunta una qualità alta. E’ il caso di questo album che presenta però una certa particolarità. Spesso, in operazioni del genere, si nota una stretta interdipendenza tra testi e musica nel senso che gli unici non potrebbero vivere senza l’altra e viceversa. Qui il discorso è diverso: come nota acutamente Gennaro Fucile nelle note che accompagnano il CD, le due componenti vivono di luce propria e potrebbero benissimo esistere da sole, senza però che ciò incida sulla compattezza e omogeneità dell’album. Lei, la Dagnino, è artista oramai pienamente affermata grazie ad una poetica del tutto personale che la allontana dal convenzionale e che le ha permesso di collaborare fruttuosamente con altri jazzisti quali lo stesso Pastor, Andrea Rossi Andrea, il pianista e compositore americano Chris Brown…; in questa occasione declama i suoi versi in inglese dando loro ancora maggiore musicalità. Il lato musicale è abilmente coperto dal che disegna uno sfondo sonoro su cui si staglia la voce della poetessa; i tre si muovono con assoluta libertà improvvisando continuamente in un gioco di continui rimandi che vengono colti e amplificati con sonorità assolutamente inusuali data la composizione particolare del stesso. Così mentre Stefano Pastor adopera il suo strumento in modo assolutamente non accademico, le ance di Haslam esplorano soprattutto i registri gravi mentre la tromba di Waterman si incarica di richiamare in qualche modo una certa liricità di fondo.

Articoli scelti per te:

Ti è piaciuto l'articolo? Lascia un commento!

<< Pagina precedente

  1. I nostri CD
  2. John Abercrombie Quartet – “Within a song”
  3. Maurizio Camardi, Mauro Palmas – “Mare chiuso”
  4. Contro Trio – “Connection”
  5. Dagnino, Haslam, Pastor,Waterman ‎– “Narcéte”
  6. Fazzini, Fedrigo – “Idea F”
  7. Fly – “Year of the Snake”
  8. Mauro Grossi – “Eden”
  9. Steve Kuhn – “Wisteria”
  10. Gianni Lenoci – “One – John Cage Piano Music”
  11. Dakota Staton – “The complete 1954-1958”
  12. John Surman – “Saltash Bells”
  13. * Tutto in una pagina *
Pagina successiva >>

Commenti

commenti