Tempo di lettura stimato: 3 minuti

Omar Sosa – “Senses” Solo – OTA 1026

Tra i protagonisti postisi in particolare rilievo in questi ultimi anni, c’è sicuramente il cubano Omar Sosa che si ripresenta al suo pubblico con un eccellente piano solo. La genesi di questo album è particolare e ce la racconta lo stesso Omar; l’album è il frutto di una serie di improvvisazioni che il ebbe modo di eseguire , per se stesso, mentre nel febbraio del 2012 lavorava con la straordinaria danzatrice Nora Chipaumire presso l’ “Experimental Media and Performing Arts Center (EMPAC)” al Rensselaer Polytechnic Institute di Troy, New York. Sosa usciva da un delicato periodo personale e il fatto di potersi ritrovare, da solo con un magnifico Yamaha da concerto, lo aiutò molto a ritrovarsi, a riscoprire il proprio io in rapporto ai suoi dubbi, ai suoi antenati, agli Spiriti. Di qui un album assolutamente particolare che stupirà anche chi conosce bene l’artista cubano: in questi sedici brani non troverete il Sosa spumeggiante e virtuoso di altre occasioni, ma un artista che vuole davvero scendere nel fondo della propria anima e presentarsi così al suo pubblico. La musica è quindi dettata dalla più sincera introversione e mai come in questa occasione è indispensabile ascoltare il disco dall’inizio alla fine: è una sorta di viaggio che Sosa propone all’ascoltatore alla di risposte che possono venire o non venire. Forse proprio per questo il pianista si tiene lontano da soluzioni estreme, alternando atmosfere dettate da nostalgia ad altre in cui il clima si fa più sereno, aperto restando però sempre ben lontano sia dalla profonda tristezza sia dalla gioia sfrenata. Comunque, ed è questo ciò che importa, la musica si mantiene su livelli di eccellenza: ben concepita la struttura dei brani mentre il pianismo di Sosa si conferma una delle avventure sonore più entusiasmanti di questi ultimi anni.

Articoli scelti per te:

Ti è piaciuto l'articolo? Lascia un commento!

<< Pagina precedente

  1. Flametango project – “Flametango project”
  2. Omar Sosa – “Senses” Solo Piano
  3. Various Artists – “Beginnin of modern Jazz in Milano”
  4. * Tutto in una pagina *
Pagina successiva >>

Commenti

commenti