Tempo di lettura stimato: 1 minuto

È un nuovo composito e trascinante lavoro, quello che il sassofonista veneziano firma ora per l’etichetta . “Porti di mare” (Caligola 2196) arriva dopo una quindicina di album a suo nome affiancati, negli anni, da molte importanti collaborazioni illustri (Lee Konitz, Marcus Stockhausen, Philip Catherine, tra gli altri), ma anche da decine di tour in tutto il mondo e partecipazioni a festival prestigiosi (dal Festival Cervantino, Messico, nel 1997, al Singapore Art Festival nel 2007, dal Montreal Jazz Festival, Canada, nel 2001, all’International Festival Bangkok, Tailandia, 2013, dal Dakar Festival, Senegal, 2011, al Copenhagen Jazz Festival nel 2008). Oltre a Castelli al sax tenore e soprano, l’album vede la partecipazione di Alfonso Santimone al piano, Edu Hebling al contrabbasso, Mauro Beggio alla batteria e Andrea Ruggeri alla batteria e percussioni.

Questo cd sembra trovare proprio la quadratura del cerchio, poiché mette le pregresse e molteplici esperienze musicali di Castelli, al servizio di un linguaggio lucido e personale, ben congegnato.

Sono, in particolare, l’Africa e l’America Latina ad aver lasciato un segno profondo nella poetica espressiva di un musicista eclettico quale è Castelli (già compositore, produttore, fondatore dell’etichetta Anelli Records); a tal proposito, il cd raccoglie tre brani originali e inediti dal titolo “Dakar”, “Zanzibar” e “Xela”, ma anche “Alfonsina y el Mar” dell’argentino Ariel Ramirez e, infine, “El Ciego” del messicano Armando Manzanero.
Non mancano i riferimenti jazzistici e rock, da Jelly Roll Morton a Tom Waits passando per “Scorribanda” (originale dall’ultimo disco della BandOrkestra) ma anche un omaggio all’opera, con l’aria “Mercè Dilette Amiche” tratta da “I Vespri Siciliani”.

Porti di mare (Caligola 2196)

Marco Castelli (tenor and soprano sax), Alfonso Santimone (piano),
Edu Hebling (double bass), Mauro Beggio (drums),
Andrea Ruggeri (percussion and drums).

1) Zanzibar; 2) New Orleans medley: a) Creepy feeling (Jelly Roll Morton), b) Jockey full of bourbon (Tom Waits); 3) Scorribanda; 4) Alfonsina y el mar (Ariel Ramirez); 5) Dakar; 6) Xela;
7) El Ciego (Armando Manzanero); 8) Mercè dilette Amiche – I Vespri Siciliani (Giuseppe Verdi).

Tutte le tracce, salvo dove indicato, composte da Marco Castelli.

Registrato, mixato e masterizzato nel 2014 allo Urban Recording Studio di Trieste da Fulvio Zafret.

Artwork di Giorgio Finamore.

*

Il disco su iTunes, https://itunes.apple.com/it/album/porti-di-mare/id944924027

Distribuzione esclusiva I.R.D. Srl, http://www.ird.it

*Ascolta i brani originali da “Porti di mare” su SoundCloud:
https://soundcloud.com/marco-castelli-sax/sets/marco-castelli-porti-di-mare

*Il disco sul nostro sito http://www.caligola.it/caligola-records-16/

*Il disco nel nostro shop: http://www.caligola.it/shop/#!/MARCO-CASTELLI-«Porti-di-mare»/p/25091628/category=6723005

Contatti
http://www.marcocastelli.org, info@marcocastelli.org

“Porti di mare”: dal vivo

Sabato 31 gennaio 2015
Ore 21.00 (primo set), ore 23.00 (secondo set)
MARCO CASTELLI TRIO
Marco Castelli (sax), Matteo Alfonso (organo), Marco Vattovani (batteria)
Al Vapore
Via F.lli Bandiera, 8
Marghera, Venezia
Info e prenotazioni: Tel. 041930796; www.alvapore.it

Articoli scelti per te:

Ti è piaciuto l'articolo? Lascia un commento!

Commenti

commenti