Il concerto il 3 aprile al Teatro San Carlo di Napoli

Tempo di lettura stimato: 1 minuto

Giuliana Socia

Il 3 aprile al Teatro San Carlo andrà in scena la prima assoluta dello “Stabat Mater da Giovanni Sebastiano a Giovanni Battista” di Roberto De Simone per coro, complesso di voci bianche, gospel, tre fisarmoniche e complesso strumentale, con la partecipazione fondamentale della fisarmonicista Giuliana Soscia.

In effetti è proprio a lei che il maestro De Simone ha affidato la realizzazione della trascrizione per le tre fisarmoniche e l’organizzazione del come prima fisarmonica; di qui la scelta, da parte della stessa Soscia, di due collaboratori d’eccezione e specializzati nel settore classico e contemporaneo come Ivano Battiston e Francesco Gesualdi. Per cui avremo un di fisarmoniche davvero ben articolato ed in perfetto stile del maestro De Simone con due musicisti di estrazione colta ed una specializzata nella fisarmonica jazz, ma con solide basi classiche (è nata come concertista).

In particolare Giuliana Soscia suonerà uno strumento a bassi sciolti e non ci saranno improvvisazioni. Al concerto parteciperà anche il pianista Pino Jodice che potremo ascoltare nel brano “Fac ut portem” da lui rielaborato in stile gospel con il quartetto gospel capitanato da Miles Griffith, che si alternerà con la Soscia in un duetto fisarmonica e tromba barocca, fisarmonica e trombone.

Oltre il compito della trascrizione di quest’opera dedicata alle voci e fisarmoniche la fisarmonicista di Latina ha avuto anche l’onere della copiatura del manoscritto e di preparare le parti per tutti. Insomma una stretta collaborazione che l’ ha vista partecipe della creazione, dello sviluppo e dell’organizzazione di questo nuovo capolavoro del M° Roberto De Simone .

L’opera tratta di alcune citazioni da Bach a Pergolesi, i testi dallo Stabat di Pergolesi al testo in tedesco che Bach aveva inserito nella sua versione dello Stabat Mater. La composizione è tonale e basata sull’arte del contrappunto, con citazioni della tradizione popolare ed anche gospel .

La collaborazione tra Giuliana Soscia Roberto De Simone è nata ormai da qualche anno; in particolare nel 2013 la Soscia ha partecipato sia come fisarmonicista (con il quartetto jazz con Pino Jodice) sia come arrangiatrice all’Opera Momento/Memento per Sergio Bruni al Teatro San Carlo; è stata inoltre chiamata dal maestro come pianista classica in due sue rielaborazione pianistiche del Wozzek di Alban Berg.

In realtà De Simone è rimasto affascinato dal suono della fisarmonica e da allora l’ha utilizzata spesso, questa volta ha dedicato a questo straordinario strumento un’ intera opera.

Articoli scelti per te:

Ti è piaciuto l'articolo? Lascia un commento!

Commenti

commenti