Domenica 19 aprile alle 17:30, “Invito alla danza” il titolo del suo concerto

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

locandina

Dopo il “tutto esaurito” della bellissima apertura di domenica 12 aprile con il Rhapsodija la ventinovesima edizione di “Musica a Villa Durio” prosegue con un concerto davvero speciale, intitolato “Invito alla danza” .

Tale concerto avrà luogo domenica 19 Aprile, sempre nella sede storica di Villa Durio, a Varallo, e avrà come protagonista una davvero straordinaria: Patricia Pagny. L’artista eseguirà opere di Domenico Scarlatti, Franz Schubert, Lili Boulanger, Claude Debussy, Ludwig van Beethoven, e del grande compositore argentino Alberto Ginastera.

Le grandi scene internazionali apprezzano le interpretazioni di Patricia Pagny per il suo particolare approccio alla musica e la sua innata sensibilità per il colore del suono.

Allieva, fra gli altri, di Nora Doallo, Nikita Magaloff, Maria Joâo Pires e Paul Badura-Skoda, Patricia Pagny si è distinta in grandi concorsi internazionali qualificandosi come finalista nei Concorsi di Marsala e nel “Clara Haskil” di Vevey in Svizzera, vincendo successivamente il Concorso Internazionale “Alessandro Casagrande” di Terni. Oggi la sua carriera la porta ad esibirsi in grandi sale da concerto come la Chicago Orchestra Hall, la Wigmore Hall, la Salle Pleyel, la Herkulessaal di Monaco di Baviera, la Philharmonie di Berlino, la Kyoto Concert Hall avvalendosi della collaborazione di direttori, colleghi e orchestre sinfoniche di grande prestigio. I suoi concerti con Sir Georg Solti e la Chicago Symphony, con Lord Yehudi Menuhin e la Sinfonia Varsovia, Uri Segal, Marcello Viotti e tanti altri, hanno sempre riscosso i consensi della critica e l’entusiasmo del pubblico, cosí come la sua ricca produzione discografica per Novalis. Il suo CD dedicato a Mendelssohn è stato prescelto nel 2007 dal “Top 5” per Arte-Tv.

Patricia Pagny è Professore all’Università di Berna in Svizzera   – Hochschule der Künste Bern –  e insegna pianoforte e musica da camera agli studenti di perfezionamento iscritti  ai Masters. Assume inoltre la direzione artistica della “Tasti’Era-Projects” (www.tastieraprojects.com) che permette alla nuova generazione di posizionarsi in un modo più attuale ed innovativo nel concertismo odierno e nel mondo dello spettacolo in generale. Secondo il giudizio dei critici, lo stile della Pagny, estremamente personale, coniuga il virtuosismo con interpretazioni talvolta infuocate o ricche di sonorità raffinate, ma sempre pulsanti di energia vitale. La sua tecnica curata nei minimi particolari e la sua eccezionale agilità digitale le consentono di approfondire aspetti interpretativi  inesplorati, mantenendo però quel giusto equilibrio che rende le sue scelte sempre chiare, strutturate e finemente cesellate.

Un momento importante della sua carriera fu l’incontro con Sir Georg Solti che si espresse in questi termini nei confronti della pianista: “Ero a Parigi.. ero stanco; ascoltare un altro pianista era veramente l’ultima cosa che desideravo in quel momento. Ma appena iniziò a suonare, rimasi davvero sbalordito. Ah, questo è veramente eccellente, mi dissi. Sei mesi più tardi, ebbi la possibilità di invitarla a Chicago. Fu un grande successo”. La Pagny poté in questo modo  estendere la sua attività nel Nord America e conseguì un successo entusiastico eseguendo il secondo concerto di Mendelssohn con la Chicago Symphony Orchestra diretta dal Maestro. “…sentiremo senz’altro parlare nuovamente di questa eccellente giovane pianista…” scrisse la Chicago Tribune. “Patricia Pagny is a most talented musician and deserves all possible encouragement to develop her career”, aveva affermato lo stesso Solti, dopo averla nuovamente scritturata alla Wigmore Hall di Londra  e al prestigioso Festival di Zurigo (Zürcher Festspiele 97).

 

Il concerto di domenica 19 aprile avrà inizio a Villa Durio alle ore 17,30. Informazioni al numero 0163562711 oppure scrivendo a associazione24@tiscali.it.

Articoli scelti per te:

Ti è piaciuto l'articolo? Lascia un commento!

Commenti

commenti