La Napoli che rinasce producendo cultura…

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

di Marina Tuni

Mi è capitato recentemente di leggere in un articolo che Napoli sta volando e ritornando ad essere capitale. Me ne sono accorta anch’io, avendo avuto l’occasione di visitarla poco tempo fa.

Il cambiamento è profondo, balza immediatamente agli occhi; e non si tratta soltanto di una mera questione di pulizia o di sicurezza (che pur sono innegabili), il rinascimento partenopeo è un processo che avviene preminentemente attraverso le arti, la musica, la letteratura, il , il cinema… oltre, questo è ovvio, alle sempre più evidenti cure e alla valorizzazione dell’immenso patrimonio archeologico, artistico e monumentale.

Post fata resurgam. Napoli rinasce, dunque, da un lungo periodo di decadenza e rialza la testa, come la Fenice, per assurgere nuovamente al ruolo di capitale del turismo mondiale, sebbene molti dei problemi di fondo, specie quelli legati al degrado delle periferie della città, rimangano tuttora insoluti.

Napoli è musica e la musica è Napoli. Parto da questo assioma per presentare la terza edizione del Napoli Jazz Fest, la rassegna musicale ideata e diretta dal direttore artistico Michele Solipano ed organizzata dell’Associazione Culturale Napoli Jazz Club, in programma dal 4 al 7 maggio, al quale parteciperò come inviata della nostra testata e che vedrà esibirsi, tra gli altri, , Elisabetta Serio e .

E il Napoli Jazz Fest riparte da dove aveva lasciato, dal Centro Storico, con i suoi meravigliosi monumenti e gli edifici di grande pregio architettonico, spesso poco conosciuti, riparte dalla collaborazione con l’Assessorato alla Cultura del Comune di Napoli, dal Maggio dei Monumenti, quest’anno dedicato al Principe Antonio de Curtis, meglio conosciuto come Totò, vessillo del patrimonio culturale immateriale della città e, soprattutto, riparte con la musica di qualità, in declinazione al femminile.

Il cambiamento riguarda anche il periodo, che da settembre viene anticipato a maggio. Questo, nelle intenzioni degli organizzatori, permetterà di unire l’offerta di musica di qualità, lontana dai soliti circuiti mediatici, alla fruizione di luoghi di particolare pregio architettonico e culturale, quali possono essere la Basilica di S. Giovanni Maggiore, scrigno di un prezioso patrimonio artistico (purtroppo in parte depredato dai numerosi furti subiti durante i secoli) e il Centro Culturale Domus Ars, struttura di riferimento della scena musicale e culturale partenopea, situata nella bella Chiesa di San Francesco delle Monache (quale chiesa napoletana non lo è?).

Il jazz è bellezza senza tempo, esattamente come la città che lo ospita e questo binomio non mancherà di attirare flussi turistici ma anche di stimolare la curiosità dei cittadini napoletani, che nei prossimi mesi invaderanno le strade e le piazze del centro storico di Napoli.

La rassegna ha anche un risvolto benefico: con questa iniziativa, l’Associazione New Around Midnight contribuisce al Restauro dell’Organo Giovanni Galasso del 1890, che si trova all’interno della Basilica San Giovanni Maggiore.

Ecco il calendario completo degli eventi:

Giovedì 4 Maggio ore 21.00 – Basilica San Giovanni Maggiore | Elisabetta Serio 4et feat Javier Girotto

Venerdì 5 Maggio ore 21.00 – Basilica San Giovanni Maggiore | Chiara Civello –  Eclipse Tour 2017

Sabato 6 Maggio ore 21.00 –  Basilica San Giovanni Maggiore | MdS BigBand – Studenti Liceo Margherita di Savoia, special guest: Giulio Martino & Lorenzo Federici

Domenica 7 Maggio ore 21.00 – DOMUS ARS Centro Cultura, Carlo Lomanto & Emilia Zamuner  “a cappella project“ info & prenotazioni 081.3425603

info e prevendite per i concerti alla Basilica San Giovanni Maggiore ;
081.7611221 – 081.5568054 – 081.5564726 – 081.5519188
www.go2.itwww.promosnapoli.itwww.concerteria.it

Articoli scelti per te:

Ti è piaciuto l'articolo? Lascia un commento!

Commenti

commenti