Sempre in primo piano il vulcanico Paolo Fresu

 

E’ nota la particolare – per certi versi unica – capacità di concentrazione, creatività ed impegno artistico-intellettuale di Paolo Fresu, da poco presidente dell’Italian Jazz Federation (IJF). Tra il 27 aprile ed il 1° maggio il trombettista-flicornista ha partecipato all’”Umbria Jazz Spring” a Terni, suonando in diversi contesti: insieme al violoncello di Giovanni Sollima e all’Orchestra da Camera di Perugia in un nuovo progetto, in duo con Daniele Di Bonaventura (alla Cascata delle Marmore) e con il quartetto Devil (Bebo Ferra, Paolino della Porta e Stefano Bagnoli). Il 30 aprile era a Verona (teatro Ristori) per l’International Jazz Day con “Lumină”, progetto ideato e realizzato insieme a cinque musicisti pugliesi: la vocalist Carla Casarano, la violoncellista Leila Shirvani, il pianista William Greco, il contrabbassista Marco Bardoscia, il batterista/percussionista Emanuele Maniscalco. In realtà è stato Fresu a pensare integralmente il progetto per la propria etichetta Tŭk Music, concependo un’intera opera intorno al tema della “Luce”, con suggestioni letterarie riprese da Erri De Luca, Lella Costa, Marcello Fois e Flavio Soriga.

Non si vuole, qui, tessere elogi in modo acritico, semplicemente mettere in fila dei fatti e sottolineare come l’artista Fresu riesca a seguire in contemporanea svariate iniziative e a cambiare in tempo reale veste e ruolo senza perdere la sua personalità, sfaccettandola invece in innumerevoli aspetti che le donano una maggiore lucentezza.

Il 23 aprile, ad esempio, era a Roma per inaugurare al teatro Eliseo il festival “Special Guest”, organizzato dal Saint Louis College of Music. Il trombettista proveniva dalle prove a Perugia con Sollima ed aveva, nella mattinata, avuto un importante incontro istituzionale mentre il 24 era già pieno di impegni. Essendo personalmente la sera occupato a seguire un concerto all’Auditorium (l’argentino Aca Seca Trio), ho chiesto ed ottenuto il permesso di assistere alle prove del recital dell’Eliseo. Nove i brani in programma, tutti di Paolo Fresu ma in appositi arrangiamenti per il Saint Louis Ensemble, formazione orchestrale diretta dal vulcanico Antonio Solimene. Gli arrangiamenti, davvero pregevoli, sono opera di Luigi Giannatempo a parte tre brani: “Paris” e “Un tema per Roma” affidati a due giovani ricchi di talento come Fabio Renzullo e Filippo Minisola. Anche un tema popolare sardo, “Duru duru durusia”, è stato proposto in un brillante – e complesso – arrangiamento di Giovanni Ceccarelli.

Assistere alle prove è stata un’occasione per apprezzare la qualità del jazz italiano in senso proprio ed in senso lato. Paolo Fresu è stato, da par suo, concentratissimo, attento e partecipe. Ha suggerito qualche modifica, dispensato complimenti ad orchestrali ed arrangiatori, provato e riprovato – quando necessario – con l’umiltà ed il carisma dei grandi artisti. I nove brani della scaletta percorrevano un vasto periodo, con composizioni dei primi anni (“Opale”, “Fellini”) fino a temi più recenti: oltre ai già citati, erano previsti “Walzer del ritorno”, “Trasparenze”, “Tango della buona aria”, “E varie notti”. Il Saint Louis Ensemble è stato impeccabile, professionale ed ispirato durante le prove, pronto a seguire il vigoroso direttore Solimene, a ripetere parti di brani, ad eseguire in modo perfetto gli arrangiamenti conferendo, tuttavia, alla musica il necessario calore. Qualche esempio. In “Un tema per Roma” le partiture sostengono un tema semplice ed ispirato, come il solo di Fresu che ora rallenta, ora illumina, ora velocizza. In “Parigi” si crea un’atmosfera vellutata ed intima, con flauto e clarinetti in sezione, e con l’apporto del sax soprano (Gabriele Pistilli) l’orchestra è pronta a lanciare un liberatorio solo di flicorno.

Finite le prove, democraticamente, Paolo Fresu, Antonio Solimene e l’orchestra decidevano la scaletta del concerto serale che sarà stato magnifico, come le prove pomeridiane nella loro dimensione di laboratorio ad uno stato già avanzatissimo.

Mi sembra, infine, giusto ricordare tutti i membri del Saint Louis Ensemble: Maurizio Leoni, sax alto e flauto; Gabriele Pistilli, sax tenore e sax soprano; Luigi Acquaro, sax tenore e clarinetto; Luca Padellaro, sax baritono e clarinetto basso; Mario Caporilli, tromba; Antonio Padovano, tromba; Giuseppe Panico, tromba; Elisabetta Mattei, trombone; Federico Proietti, trombone basso e basso tuba; Andrea Saffirio, piano; Fabrizio Cucco, basso e Alessio Baldelli, batteria.

Il festival “Special Guest” ritornerà il 10 e 15 giugno con gli ospiti Fabrizio Bosso & Serena Brancale e Javier Girotto & Martín Bruhn.

Luigi Onori

Simone Graziano è il nuovo presidente di Midj

©_ANGELO_TRANI 

 

Il 2 maggio scorso si è riunito il neo-comitato direttivo di Midj (Associazione nazionale dei musicisti di jazz) eletto lo scorso 8 aprile in occasione dell’assemblea svoltasi a Milano, nelle persone di: Marcello Allulli, Romina Capitani, Claudio Carboni, Claudio Fasoli, Alessandro Fedrigo, Simone Graziano, Lucia Ianniello, Antonio Ribatti, Gianni Taglialatela.

Primo atto del nuovo direttivo è stato quello di votare le due cariche previste dallo statuto e sono stati eletti presidente, il pianista toscano Simone Graziano, e vicepresidente, l’avvocato e sassofonista campano Gianni Taglialatela.

A quasi 3 mesi dalla nascita della Federazione nazionale Il Jazz Italiano, che ha riunito soggetti già operanti e nuove associazioni, Midj è forte degli importanti risultati raggiunti dal direttivo uscente e orientata a consolidarli e a tracciare nuovi percorsi verso i quali indirizzare l’attività.

“Sono stati quattro formidabili anni, abbiamo lavorato con onestà e serietà – sono le parole di Ada Montellanico ex presidente per due mandati consecutivi – Un lavoro molto faticoso che però ha creato basi solide e impensabili risultati, di cui vado fiera. C’è sicuramente tanto altro da fare. La mia esigenza è stata quella di vivere l’essere artista con un coinvolgimento anche sul versante sociale e politico, un impegno che a partire da oggi sarà profuso nell’ambito della Federazione.”

Il neopresidente Simone Graziano dichiara “Sono felice e onorato dell’incarico che mi è stato attribuito. Nella difficoltà del ruolo che dovrò coprire è nascosta una bellezza immensa che è il patrimonio musicale di tutti noi jazzisti italiani. Cercherò di dar voce a questa fantastica risorsa.”

Bossa Nova Connection dal vivo all’Elegance Cafè

Il quintetto Bossa Nova Connection nasce nell’autunno 2016. Il repertorio verte sui classici della bossa nova di Joao Gilberto e Stan Getz composti da Antonio Carlos Jobim e Vinicious de Moraes. Un repertorio esteso anche con passaggi di Caetano Veloso, Marcos Valle, Carlos Lyra, Dorival Caymni, Gilbeto Gil e molti altri rappresentanti internazionali del genere. Il leader Verdecchia oltre ad essere uno stimato musicista è anche attivo nell’organizzazione di eventi jazz e per l’occasione si esibirà anche con due strumenti tipici di questo genere: il cavaquinho e l’ukulele. La band è completata da alcuni tra i più apprezzati jazzisti della scena romana e special guest alla voce, la cantante italo-brasiliana Pamela D’Amico che si esibisce regolarmente con repertori jazz, afro-brazilian e world music.
Sul palco Giulio Verdecchia (voce,chitarra), Alessandro Tomei (sax), Gabriele Manzi (piano), Renato Gattone (contrabbasso), Lucio Turco (batteria) e Pamela D’Amico (voce).

giovedì 10 maggio
Ore 21.30
Elegance Cafè Jazz Club
Via Francesco Carletti, 5 – Roma
Euro 15 (concerto e prima consumazione)
Infoline +390657284458