Domenica 24 giugno due appuntamenti a Villa Lagarina e uno a Rovereto per la rassegna

Tempo di lettura stimato: 1 minuto

Domenica 24 giugno 2018

Ore 19.30
Bar Circolo Operaio Santa Maria
Via Santa Maria 8
Rovereto (TN)

KONE TRIO

ingresso gratuito

Giardino di Palazzo Libera
Via Giuseppe Garibaldi 10
Villa Lagarina (TN)

ore 20.30:
KALEIDOSCOPE QUARTET

ore 21.30:
GIOVANNI FALZONE QUINTET

biglietto unico per i due concerti: 10 euro

Domenica 24 giugno una giornata ricca di al TrentinoInJazz, con due appuntamenti e tre concerti imperdibili. Il primo è a Rovereto, nel cartellone del TrentinoIn JazzClub, ed è un aperitivo all’insegna del contatto tra jazz e world music, con il Kone Trio. Il Trio è composto da Kalifa Kone (kamalengonì, tama , balafon), Alessandro Cosentino (violino) e Paolo Prosperini (chitarra). La formazione propone un afro/jazz/ ricco e sorprendente, ipnotico, onirico ma anche sensuale e trascinante, che percorre l’Africa sulle tracce del suono ancestrale su cui si fonda gran parte della musica contemporanea. Una pozione di diverse culture, tradizioni e sonorità fuse in un’unica “mistica” voce.

Si passa a Villa Lagarina per il penultimo appuntamento di Lagarina Jazz, storica sezione del festival curata dal giornalista Giuseppe Segala. Torna dopo otto anni al Lagarina Jazz Giovanni Falzone, come sempre attento a percorsi tematici di grande interesse. Nel 2010 portò al TrentinoInJazz la sua rilettura del patrimonio di Jimi Hendrix, quest’anno presenta Pianeti Affini, che rivolge la sua energia creativa alle suggestioni portate dal moto degli astri e dagli straordinari meccanismi planetari. Dichiara il trombettista: “Mi ha sempre incantato l’equilibrio perfetto tra i pianeti nell’immensità dell’universo. L’obiettivo principale di questo lavoro musicale è stato quello di creare un parallelismo tra le affinità cosmiche e le affinità necessarie all’interno di un gruppo musicale quando si accinge a registrare un progetto, creando così un microcosmo fatto di intesa, relazioni umane e creatività”.

Falzone guida un affiatato quintetto, caratterizzato in primo luogo dall’originale e duttile abbinamento dei tre strumenti in front-line: la sua tromba istrionica, il formidabile trombone di Filippo Vignato, la fisarmonica caleidoscopica di Fausto Beccalossi. La solida ed elastica sezione ritmica è composta dagli ottimi Giulio Corini e Alessandro Rossi. In apertura di serata il concerto del Kaleidoscope Quartet, quartetto jazz del Conservatorio Bonporti di Trento composto da Maximilian Oberrauch (sax alto), Stefano Mosna (chitarra elettrica), Luciano Sorcinelli (basso elettrico) e Sebastiano Cecchini (batteria).

Articoli scelti per te:

Ti è piaciuto l'articolo? Lascia un commento!

Commenti

commenti