Gerlando Gatto l’ha intervistato pochi giorni prima del suo concerto in Friuli Giulia, al Festival Udin&Jazz

Tempo di lettura stimato: 4 minuti

Contrabbassista di assoluto livello, vocalist, band-leader, compositore, produttore: queste le molteplici facce di un personaggio che a ben ragione può essere considerato una delle stelle del firmamento jazzistico. Nato nell’aprile del 1970 in Israele, Avishai Cohen si trasferisce a New York nel 1992 studia alla New School con artisti quali Brad Mehldau; nella Grande Mela comincia ad incidere con personaggi di primo piano come il panamense Danilo Perez. Nel 1977 l’incontro che gli cambia la vita: una telefonata di Chick Corea lo invita a collaborare con il grande pianista e così Avishai entra nel “Chick Corea’s New Trio” con cui collabora per sei anni. Dopo questa esperienza la strada del successo è spianata e Cohen la percorre con sicurezza. Il 22 settembre del 2017 esce il suo nuovo album “1970” in cui accanto al leader, nella veste anche di vocalist, ascoltiamo Itamar Doari (percussioni e voce), la cantante Karen Malka, Yael Shapira (violoncello e voce), Elyashaf Bishari (oud, chitarra baritona, voce), Jonathan Daskal (tastiere) e Tal Kohavi (batteria). L’album ha fatto storcere il naso ai puristi del jazz per i molti riferimenti a musiche altre, ottenendo però uno strepitoso successo oltre gli ancor contenuti recinti del jazz propriamente detto.

Avishai Cohen ha scelto Udine e il Festival Udin&Jazz – unica data italiana – per presentare l’album nel nostro Paese e noi lo abbiamo intervistato pochi giorni prima del suo concerto in Friuli Venezia Giulia.

In questo periodo si sentono spesso espressioni del tipo “il jazz è morto”, “il jazz sta morendo”. Qual è la sua opinione al riguardo?

 “Il jazz è ovunque, abbiamo solo bisogno di sbloccare la musica e rendere più facile il suo ascolto facendo in modo che le persone aprano la loro anima ad essa e si divertano ascoltandola, sia attraverso registrazioni di qualità sia durante le esibizioni dal vivo, che probabilmente, oggi come oggi, rappresentano il sistema migliore per connettere le persone.”

Prendendo le mosse da queste considerazioni, qual è oggi la situazione del jazz in Israele? Come spiega il fatto che nonostante Israele sia un piccolo Paese negli ultimi anni sia riuscito a “sfornare” una serie impressionante di talenti musicali, specie nel campo jazzistico?

“La scena del jazz in Israele si è molto sviluppata negli ultimi anni. Grazie ai molti musicisti israeliani, me compreso, c’è ora una maggiore consapevolezza. Israele è sempre stato influenzato da un grande mix di culture: marocchina, greca, turca, bulgara, spagnola, dell’Europa orientale e anche i discendenti degli ebrei provenienti da molti altri luoghi. Queste influenze esistono nella musica, nella lingua e nella buona cucina, e ognuno assorbe queste cose in modi diversi che consentono molta creatività.”

E veniamo adesso ad Avishai Cohen. Come e perché ha cominciato ad interessarsi di musica e di jazz in particolare?

“Sono stato ispirato dalla musica inizialmente come ascoltatore, quando da giovane  sedevo al pianoforte per creare melodie in totale libertà ed ascoltare la di  quel periodo. Il bassista Jaco Pastorius è stato una grande fonte d’ispirazione quando avevo 14 anni, così tanto da farmi acquistare il mio primo basso elettrico. Più tardi ho iniziato ad imparare a suonare il contrabbasso.”

France, Paris, 07-06-2017. Avishai Cohen. Photo: Andreas Terlaak

Lei è nato in Israele ma le origini della sua famiglia si ritrovano in Europa, in Spagna, in Polonia, in Grecia. Qual è stata l’importanza di questo background multiculturale sulla sua formazione artistica?

 “Israele è un paese in cui si incontrano diverse culture e nazionalità e tutto ciò consente di spaziare molto a livello creativo. Queste influenze si ripercuotono sicuramente nella mia musica, anzi, ne diventano il tema principale.”

Lei è oramai artista di caratura internazionale. Quali legami ha mantenuto con il suo Paese d’origine?

“La mia patria, le mie radici e il patrimonio culturale sono sempre stati e sempre saranno una parte importante di me e della natura che mi circonda, quindi sono anche  parte della mia musica. Credo tuttavia che il trascorrere inesorabile del tempo ci permetta di comprendere maggiormente l’importanza di mantenere vive le nostre canzoni tradizionali. Sarebbe un vero peccato che vadano perdute.”

Quali sono le motivazioni che l’hanno spinta ad incidere un disco assai particolare come questo “1970”?

“Volevo qualcosa di specifico per questo disco. Un disco di voci e canzoni in cui la musica doveva esser un ritorno al passato ed avere un legame spirituale con gli anni ’70, il mio anno di nascita. Molte delle mie influenze provengono sicuramente dalla musica afro-americana, da artisti come Stevie Wonder, dal soul e dal funk che sono venuti prima dell’hip-hop, mi piace anche questo. Penso che tutte queste influenze e le mie radici siano racchiuse in questo album.”

Come mai ha scelto il Festival di Udine – unica data nel nostro Paese –  per presentare al pubblico italiano questa sua nuova fatica discografica?

“Mi piace venire a Udine, dove ho avuto la fortuna di esibirmi un paio di anni fa, quindi è bello ritornarci. I fan di Udine sono un pubblico caloroso e fedele, e voglio presentarli alla mia band di ‘1970’. Non vedo l’ora di fare una bella festa con tutti loro.”

Come ricorda il primo incontro con Chick Corea che tanto determinante è stato per la sua carriera?

“Si, lo ricordo molto bene! Nel 1997 ho ricevuto una chiamata di Chick Corea.  Ricordo che avevo dato ad uno dei suoi amici una cassetta di un mio demo ma non avevo la particolare speranza di essere notato… ed invece Chick mi ha detto che l’ha ascoltato nella sua auto e mi ha richiamato alcune settimane dopo, impressionato dalla mia freschezza. Successivamente sono diventato un membro del “Chick Corea’s New Trio” e un co-fondatore del gruppo coreano “Origin”; per oltre sei anni sono diventato parte integrante della musica di Chick ed ho avuto l’enorme opportunità di mettere a punto le mie abilità come bassista e compositore. Le esibizioni con lui hanno giocato un ruolo importante nel plasmare la mia musicalità, per me Chick Corea è più di un insegnante, è un collega e un amico.”

Lei si sente più vocalist, bassista o compositore?

“L’equilibrio perfetto sarebbe la combinazione di tutti e tre! Ed è esattamente come mi sento in questo periodo!”

Se dovesse descrivere in tre parole la sua musica quali aggettivi userebbe?

“Passionale – Determinata – Creativa”

Gerlando Gatto

 

Articoli scelti per te:

Ti è piaciuto l'articolo? Lascia un commento!

Commenti

commenti