Intervista raccolta da Daniela Floris

Tempo di lettura stimato: 3 minuti

 

 

Foto di CARLO MOGAVERO

Intervista raccolta da Daniela Floris

 

-Come stai vivendo queste giornate?

Come tanti immagino, ma siamo tutti diversi ed è facile scadere in qualche luogo comune da talk televisivo pieno di buoni sentimenti che però si interrompono quando deve essere mandata la pubblicità.

 

-Come ha influito sul tuo lavoro?

Il lavoro ovviamente non c’è più, zero lezioni essendo tutto sospeso, la nostra è una scuola privata quindi l’applicazione delle lezioni online non è obbligatoria e francamente ci credo poco o nulla in quello strumento la è fatta di rapporti umani.
Poi ci sono i concerti tutti saltati, come è saltato il festival d’Ivrea che organizziamo quest’anno era la 40° edizione ed il materiale era già tutto stampato… speriamo per l’estate ma la vedo complicata.

 

-Pensi che nel prossimo futuro sarà lo stesso?

Si dobbiamo dircelo, so che la maggior parte della gente non lo vuol sentire, ma meglio una dura verità che una pietosa bugia, in rete si vedono cose imbarazzanti, anche del nostro ambiente. Vorrei almeno non perdere la mia dignità. Quando cominci a mentirti poi comini a crederci davvero e dopo il risveglio è ancora più duro.

 

Come riesci a cavartela senza poter suonare?

Economicamente ? qualche risparmio… finché durano, comunque ho pochi vizi… non bevo, non fumo…mangio pochissimo…un asceta…

 

-Vivi da solo o con qualcuno?

Solo, con la mia gatta Morgana.


-E quanto ciò risulta importante?

Vivere solo ? per me non è poi così difficile. Ho perso mia madre a 14 anni e mio padre a 24… per me in un certo senso è la normalità. Non sto dicendo sia bello, né che sono così forte…è un dato oggettivo, forse mi manca il rapporto con gli allievi, quello sì.

 

-Pensi che questo momento di forzato isolamento ci indurrà a considerare i rapporti umani e professionali sotto una luce diversa?

Dovrebbe, ma l’uomo difficilmente impara dai suoi errori: basta guardare la storia. In rete vedo tutti con stratagemmi vari provare a tirar su qualcosa ai danni di altri…mi piacerebbe che ci fosse tutto questo altruismo e questa ondata di buoni sentimenti. Si venderanno più colombe e uova Pasquali….ma non è così, lo vorrei …ma non è così, e dopo sarà sicuramente peggio, dobbiamo dircelo, prepararsi. Cercare almeno di non cedere con noi stessi.

 

-Credi che la musica possa dare la forza per superare questo terribile momento?

A molti certamente, a me di sicuro,  è  per me è così da sempre. Il resto del mondo non so, sono 30 anni che la gente  deambula tra aperitivi, finte presentazioni di libri, tv spazzatura, una politica di gente senza Dei.  Se penso che Pasolini aveva visto tutto questo già negli anni Settanta, la cosa fa paura.

 

Se non alla musica a cosa ci si può affidare?

La scienza, la religione, la politica, l’arte erano le quattro ipotesi che Pasolini proponeva in Salò…ma alla fine morivano tutti.
Ma non voglio sembrarti troppo pessimista: c’è l’istinto, ti alzi e “fai le cose”, perché quella è l’unica risposta esistere, lasciare tracce, dare un senso anche alla propria sofferenza. Perché non è detto che sia inutile, anzi…

 

-Quale tuo progetto è rimasto incastrato in questa emergenza e vuoi segnalare?

C’è un nuovo solo, una registrazione con Enten Eller ma anche con Odwalla volevamo registrare, il cd appena uscito Woland…i progetti non mancano, ci sono fondamenta solide. E confido che saper portare, in quei progetti, questi momenti sarà fondamentale.

 

-Mi racconti una tua giornata tipo?

Ore 7 colazione, poi cyclette e ginnastica varia sino alle 9.45, un tè, poi scendo a studiare marimba. Alle 12 doccia pranzo , poi leggo, e alle 16 riprendo a studiare sino alle 19.  Cena e cyclette sino alle 22…quasi da monaco zen. Tutti i giorni.

 

-Se avessi la possibilità di essere ricevuto dal Governo, cosa chiederesti?

Niente, né a questo né a nessun governo. Mi conosci:  sai che sono d’Ivrea, che lavorai in Olivetti, che ero nel sindacato,  che ho assistito allo smantellamento di quell’azienda per fini politici (il secondo gruppo industriale italiano ancora oggi studiato nel mondo)…. conosco la politica.  Non c’è niente di buono, anche quando chi la fa crede alla propria buona fede. E’ un mondo che corrode, corrompe, avvelena.  Non c’è nulla, e io ho smesso di crederci da tempo, tanto tempo. Poi, la seguo, perché come si dice ”interessati di politica altrimenti la politica si interesserà di te”: si deve imparare a difendersi.
Forse si potrebbe chiedere a Franceschini se crede che la Cultura abbia ancora un senso in questo paese….e sempre se riesce a rimanere serio prima di rispondere.

 

-Hai qualche particolare suggerimento di ascolto per chi ci legge in questo momento?

Me lo hanno chiesto in molti, ma credo che la musica sia una questione molto intima.  Io passo dai mottetti di Bach diretti da Nikolas Harnoncourt, a John Coltrane,  dai Genesis a Joni Mitchell, da Art Ensemble of Chicago a Hindemith…

Articoli scelti per te:

Ti è piaciuto l'articolo? Lascia un commento!

Commenti

commenti