Lo ricorda l’amico pianista Andrea Beneventano

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

Il 10 maggio 2020 è venuto a mancare Aldo Bassi. Da suo amico sento il bisogno di ricordarlo e lo faccio attraverso queste poche righe. In realtà per parlare di Aldo servirebbero moltissime pagine, moltissime pagine per descrivere la sua persona e la breve vita da lui vissuta, breve ma intensa, forse l’unica consolazione…

Aldo Bassi

Aldo è stato un musicista eccezionale, uno straordinario trombettista, compositore e arrangiatore. Uno dei più stimati artisti in Italia che ha collaborato con i più importanti musicisti sia in ambito nazionale che internazionale; ma soprattutto Aldo è stato un musicista che ha avuto sempre un rapporto totale con la musica. Dal diploma di tromba classica conseguito a Roma nel Conservatorio di “Santa Cecilia” (e in seguito studierà anche la tromba barocca, forse pochi lo sanno…) per continuare con l’esperienza a Cuba della musica per l’appunto cubana; ha militato nelle big band più importanti in Italia in qualità di solista e arrangiatore, per continuare con le piccole formazioni come trio, , quintetto etc. con cui ha registrato dei dischi di altissima qualità con importantissime collaborazioni. Aldo poteva suonare qualsiasi tipo di musica e lo faceva sempre al top, dalla musica classica al jazz (con uno straordinario linguaggio) a qualsiasi altro genere… All’attività concertistica ha unito quella didattica insegnando con la stessa passione che metteva nel suonare.

Ma non sono qui per parlare del suo importante curriculum bensì di Aldo… come musicista, ma anche e soprattutto come persona. Aldo al suo talento naturale ha aggiunto un impegno professionale e una dedizione totale alla musica. Uno degli aspetti che mi ha colpito di più in Aldo è stata l’importanza che aveva per lui lo studio e la preziosità del tempo da dedicare a questa attività. Penso che sia una delle cose che mi abbia trasmesso di più, oltre alle tante idee sul fraseggio. Aldo aveva affittato un box sotto casa mia si ritirava per studiare e spesso mi citofonava per farsi una suonata insieme. Indimenticabili quelle mattinate trascorse a suonare e a scambiarci fiumi di idee… Con Aldo ho condiviso tanta musica, concerti e vari momenti di vita, forse da una trentina di anni… Abbiamo anche viaggiato insieme per cinque o sei anni, da Roma a Benevento, per andare a insegnare in Conservatorio. Di quei viaggi ho un bellissimo ricordo fatto di battute, grandi risate ma anche di discorsi sulla musica e sulla didattica. Aldo ha creduto alla musica fino alla fine, fino a quando ha avuto la forza di “soffiare” in quella tromba l’ha fatto. Oltre naturalmente ai suoi affetti, la musica per Aldo è stata motivo di vita. Come persona Aldo era veramente adorabile. Sempre col sorriso e con un umorismo intelligente e raffinato, lo stesso gusto appariva anche nelle sue note. Il suo entusiasmo innato, lo slancio emotivo e soprattutto l’amore per il suo strumento lo portò addirittura a un progetto veramente ambizioso: un disco lui suona la tromba senza la presenza di altri strumenti. Il CD, registrato nel 2012 dal titolo “Solo”, è una importante testimonianza della sua estetica musicale, della sua essenza e anche, tutto sommato, del coraggio che ha avuto nel realizzare il progetto. All’interno del CD sono contenute delle parole dedicate al suo strumento: la tromba.  Eccole: “Quaranta anni passati insieme. Passione, sentimenti ed emozioni ormai stratificate nella mia anima. Se mi chiedi come sono stati, ti basti sapere che rifarei esattamente tutto. Mi innamorerei di te, verserei sudore nel cercarti, faticherei per tenerti accanto e mi arrabbierei fino a odiarti, senza però smettere di amarti.”

Ciao amico mio, rimarrai per SEMPRE nei miei pensieri

Andrea Beneventano

Articoli scelti per te:

Ti è piaciuto l'articolo? Lascia un commento!

Commenti

commenti