Intervista raccolta da Marina Tuni

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

Intervista raccolta da Marina Tuni

Claudio Cojaniz, pianista e compositore

-Come stai vivendo queste giornate?
«Molto studio e . Ascolto la lettura dei giornali su Rai Radio 3 al mattino e basta. Non mi
faccio inondare da troppe notizie. In casa curiamo molto la gastronomia».

-Come questo forzato isolamento ha influito sul tuo lavoro?
«L’incubo mi sta spremendo ancora di più, sollecitando la mia creatività».

-Pensi che nel prossimo futuro sarà lo stesso?
«Non so cosa sarà il futuro, non ne ho minimamente idea. Dipenderà da dove andiamo. Mai l’umanità si è trovata davanti ad un bivio così tremendo: tra estinzione o rinascita, tra involuzione definitiva o salto evolutivo. Le crisi non sono né positive, né negative: sono una opportunità, invece… dipende da come se ne esce. C’è tanta brava gente in giro e le riflessioni che tutti siamo costretti a fare spero spingano la maggior parte delle persone a rimettere in ordine le gerarchie dei valori. Se prevale la paura, il “dopo” potrebbe diventare una guerra dell’uno contro l’altro, in una società con disuguaglianze ancora più indecenti e la sfiducia totale nei confronti degli stati. Se prevale il rispetto si potrebbe dire che questo disastro ci ha dato l’occasione di ripensare ad un mondo nuovo, a partire per esempio dall’integrazione definitiva delle migliaia di persone che dall’Asia e dall’Africa stanno cercando accoglienza in Europa. In sostanza dobbiamo lavorare per superare la vergogna degli egoismi nazionalisti. Il fare musica è di questo mondo ed il suo futuro, il nostro futuro, dipenderà per quale strada l’umanità intenderà procedere».

-Come riesci a sbarcare il lunario?
«Come posso…».

-Vivi da solo/a o con qualcuno? E quanto ciò risulta importante?
«Condivido la mia vita con un’altra persona. Fa la differenza, ci aiutiamo a vicenda ».

-Pensi che questo momento di forzato isolamento ci indurrà a considerare i rapporti umani e  professionali sotto una luce diversa?
«Come dicevo sopra, dipende da che parte cammineremo».

-Credi che la musica possa dare la forza per superare questo terribile momento?

«È la consapevolezza con cui si ascolta ad aiutare, non tanto la musica in sé, visto che la parola “musica” abbraccia varie situazioni, mercificate quasi tutte. Districarsi là dentro è complesso e implica studio appassionato. La musica è ascolto, altrimenti non esiste…».

-Se non la musica a cosa ci si può affidare?
«A qualunque arma sia capace di aumentare il volume della coscienza. Consiglierei la letteratura e la
poesia per viaggiare dentro sé ed ascoltarsi un po’ di più».

-Quanto c’è di inutile retorica in questi continui richiami all’unità?
«Credo si tratti di una reazione allo spavento cosmico che sta chiudendo ancora di più le persone in una sorta di eremitismo di massa, atterrite dall’apocalisse mediatica messa in atto, sullo sfondo, a colonna sonora della nostra ridicola attuale esistenza».

-Sei soddisfatto di come si stanno muovendo i vostri organismi di rappresentanza?
«E chi sarebbero mai costoro, i “nostri” organismi? No comment come minimo. Plaudo invece a tutti i produttori musicali, organizzatori di concerti e operatori culturali vari, che dovranno essere capaci di rimettere in piedi almeno una parte di tutto ciò che si stabilì prima di questa schifezza: al massimo sento loro come i “nostri”».

-Se avessi la possibilità di essere ricevuto dal Governo, cosa chiederesti?
«Niente».

-Hai qualche particolare suggerimento di ascolto per chi ci legge in questo momento?
«Tutto. Poi quando cominci ad ascoltare una seconda volta lo stesso pezzo a quel punto hai fatto una scelta e comincia a dispiegarsi la tua verità. Sarà utile comunque tener presente che non è vero che tutte le strade portano a Roma: quella di mezzo non va da nessuna parte e ci fa smarrire in tanto mare, rendendoci facili prede di scaltri pirati».

Articoli scelti per te:

Ti è piaciuto l'articolo? Lascia un commento!

Commenti

commenti