Alessandro Scala Groovology Trio @ Rossini Jazz Club, Faenza

Giovedì 10 gennaio 2019, alle 22, la stagione del Rossini Jazz Club di Faenza riprende con il concerto dell’Alessandro Scala Groovology Trio, formazione composta da Alessandro Scala ai sassofoni, Sam Gambarini all’organo Hammond e Stefano Paolini alla batteria. La rassegna diretta da Michele Francesconi si presenta in questa stagione con due cambiamenti sostanziali: il Bistrò Rossini di Piazza del Popolo è il nuovo “teatro” per i concerti che si terranno di giovedì. Resta immutato l’orario di inizio alle 22. Il concerto è ad ingresso libero.

Un trio energico, di grande impatto e dallo stile immediatamente riconoscibile. Il Groovology Trio capitanato da Alessandro Scala è composto da tre musicisti di primo piano della scena del jazz italiano e internazionale e propone una efficace miscela di jazz, funk, bossanova e boogaloo. Il repertorio del trio è originale e si ispira in modo molto accattivante al sound Blue Note degli anni Cinquanta e Sessanta per arrivare alle sonorità più attuali del nujazz. Il tutto amalgamato con feeling sicuro, con l’esperienza maturata da Alessandro Scala, Sam Gambarini e Stefano Paolini e con l’interplay oramai collaudato della formazione.

Nella serata, verranno suonati i brani degli album più recenti pubblicati da Alessandro Scala a suo nome per Schema Records, Groovology e Viaggio Stellare, e brani inediti di nuova produzione.

Alessandro Scala è un valente sassofonista e compositore della scena jazz nazionale. È apprezzato per il suo sound personale e per l’attitudine versatile ed elegante con cui riesce passare dall’hard bop al soul jazz. Ha al suo attivo una lunga serie di collaborazioni, tanto negli album a suo nome quanto nei diversi progetti realizzati con altri musicisti. Nel corso degli anni, ha suonato, tra gli altri, con Bob Moses, Marylin Mazur, Steve Lacy, Fabrizio Bosso, Luca Mannutza, Flavio Boltro, Marco Tamburini, Sam Gambarini, Sam Paglia, Nico Menci, Stefano Paolini, Lorenzo Tucci, Roberto Gatto, Nigel Price, Antonello Salis, Gianluca Petrella, Mario Biondi, Cheryl Porter, Massimo Manzi, Paolo Ghetti,Gegè Munari, Rosalia De Souza, Giovanni Amato, Giovanni Falzone e molti altri. Tra le sue pubblicazioni, si segnalano l’ormai lontano album “Bossa Mossa” – positivamente recensito sulle riviste Jazz It, Musica jazz e sulla francese Jazz Hot – e poi “Viaggio Stellare” del 2013, presentato in modo convincente dalle note di copertina di Paolo Fresu. Nel 2015, invece, ha pubblicato, sempre per Schema Records, “Groove Island” affiancato da Flavio Boltro. Collabora in pianta stabile anche con le formazioni Organic Vibe e GB Project. Da anni, si esibisce con i progetti musicali a suo nome e come sideman nei jazz club, nei festival e nelle rassegne più significative del panorama nazionale.

La rassegna musicale diretta da Michele Francesconi, dopo oltre dieci anni, cambia sede e si sposta al Bistrò Rossini che diventerà, ogni giovedì, il Rossini Jazz Club: la seconda importante novità riguarda proprio il giorno della settimana, si passa appunto al giovedì come giorno “assegnato” ai concerti. Resta invece immutato lo spirito che anima l’intero progetto: al direttore artistico Michele Francesconi e all’organizzazione generale di Gigi Zaccarini si unisce, da quest’anno, la passione e l’accoglienza dello staff del Bistrò Rossini e l’intenzione di offrire all’appassionato e competente pubblico faentino una stagione di concerti coerente con quanto proposto in passato.

Il prossimo appuntamento con la stagione musicale del Rossini Jazz Club di Faenza propone un doppio concerto, giovedì 17 gennaio 2019: si esibirà dapprima “Migrazioni Musicali”, il duo formato da Yuri Ciccarese al flauto e Pepe Medri all’organetto diatonico, e si prosegue poi con il “Solo Act” della cantante e chitarrista Silvia Wakte.

Il Bistrò Rossini è a Faenza, in Piazza del Popolo, 22.

Il Rossini Jazz Club raccoglie il testimone dello Zingarò di Faenza

Il Rossini Jazz Club raccoglie il testimone dello Zingarò di Faenza

La rassegna diretta da Michele Francesconi si apre giovedì 20 settembre con Banana Boat

Giovedì 20 settembre 2018, si apre una stagione importante per la rassegna musicale diretta da Michele Francesconi. Dopo oltre dieci anni, i concerti cambiano sede e si spostano al Bistrò Rossini che diventerà, ogni giovedì, il Rossini Jazz Club: la seconda importante novità riguarda proprio il giorno della settimana, si passa appunto al giovedì come giorno “assegnato” ai concerti. Resta invece immutato lo spirito che anima l’intero progetto: al direttore artistico Michele Francesconi e all’organizzazione generale di Gigi Zaccarini si unisce, da quest’anno, la passione e l’accoglienza dello staff del Bistrò Rossini e l’intenzione di offrire all’appassionato e competente pubblico faentino una stagione di concerti coerente con quanto proposto in passato.

Banana Boat, il progetto di Bruno Orioli e Francesco Plazzi, è la formazione scelta per un’apertura dedicata alle sonorità ancora estive e rilassate del soul, del reggae e del calypso, un viaggio musicale verso i Caraibi e l’America Latina. Come di consueto, secondo le linee seguite dalle scelte di Francesconi, sarà possibile ascoltare alcuni tra i progetti più interessanti sulla scena nazionale a fianco dei musicisti che animano la vita jazzistica del territorio, si alterneranno formazioni che affrontano il jazz nella maniera più tradizionale e gruppi che attraversano i confini tra i generi musicali per portare altre sonorità e grammatiche nel linguaggio del jazz.

E quindi si passa dall’attenzione per la vocalità con la presenza in cartellone, ad esempio, di Francesca Bertazzo, Tati Valle, Stevie Biondi, Lisa Manara e Francesca Ajmar alle aperture contemporanee della musica di Carla Bley riletta da Andrea Massaria e Bruce Ditmas, dall’incrocio con il mondo classico e con la world music proposto da Trio Eccentrico, Tango Minas, Giò Belli Jazz Manouche Trio e Luca Ciarla Solorchestra alle linee più squisitamente jazz delle formazioni capitanate da Emilio Marinelli, Alessandro Scala, Beppe Di Benedetto e Paolo Ghetti.

Si aggiunge inoltre anche lo sguardo alle nuove generazioni e alla didattica con i due appuntamenti previsti nella parte finale della stagione con il Laboratorio sul Piano Trio e la serata dedicata agli Allievi della Scuola Sarti.

Tutti i concerti si terranno il giovedì con inizio alle 22 e con ingresso libero. Il Bistrò Rossini è a Faenza in Piazza del Popolo, 22.

web: www.bistrorossini.it
social: facebook.com/rossini.jazzclub; twitter.com/rossinijazzclub; instagram.com/rossinijazzclub

Rossini Jazz Club, Faenza
programma dei concerti

Giovedì 20 Settembre
Banana Boat

Giovedì 27 Settembre
Lisa Manara Quartet “L’urlo dell’Africanità”

Giovedì 4 Ottobre
Love Sick Duo

Giovedì 11 Ottobre
Sax Four Fun “Opera Remix”

Giovedì 18 Ottobre
Alan Bedin. T&nCò

Giovedì 25 Ottobre
Michele Francesconi & Francesca Bertazzo Quartet “The Jimmy Van Heusen Songbook”

Giovedì 1 Novembre
Stevie Biondi “Modern Vintage Trio”

Giovedì 8 Novembre
Trio Eccentrico

Giovedì 15 Novembre
Tango Minas

Giovedì 22 Novembre
Emilio Marinelli Dope 3

Giovedì 29 Novembre
Luca Ciarla Solorchestra

Giovedì 6 Dicembre – doppio concerto
Mattia Parissi Trio
Oligo

Giovedì 13 Dicembre
Andrea Massaria & Bruce Ditmas “The Music of Carla Bley”

Giovedì 10 Gennaio
Alessandro Scala Groovology Trio

Giovedì 17 Gennaio – doppio concerto
Yuri Ciccarese & Pepe Medri “Migrazioni Musicali”
Silvia Wakte “Solo Act”

Giovedì 24 Gennaio
Musicanti Di Braina

Giovedì 31 Gennaio
Diego Frabetti Quartet

Giovedì 7 Febbraio
Daniele Ciuffreda Organ Trio

Lunedi 11 Febbraio
Concerto Di Chiusura di Fiato al Brasile

Giovedì 14 Febbraio San Valentino
Tati Valle Solo

Giovedì 21 Febbraio
Francesca Ajmar Quintet feat. Hector “Costita” Bisignani

Giovedì 28 Febbraio
Giò Belli Jazz Manouche Trio

Giovedì 7 Marzo
Sleego

Giovedì 14 Marzo
Beppe Di Benedetto Concept Quartet

Giovedì 21 Marzo
Paolo Ghetti Melody Quartet

Giovedì 28 Marzo
Laboratorio Piano Trio feat. Walter Paoli & Stefano Senni

Giovedì 4 Aprile
The Latin Quarters

Giovedì 11 Aprile
Allievi Scuola Sarti

Standard Quartet @ Zingarò Jazz Club, Faenza

Un volo pindarico sul jazz del novecento: lo Standard Quartet allo Zingarò Jazz Club di Faenza.

Standard Quartet
Alessandro Gusella. pianoforte
Daniele Sabatani. batteria
Gian Luca Ravaglia. contrabbasso
Marco Preger. chitarra

Mercoledì 2 novembre 2016. ore 22

Zingarò Jazz Club
Faenza (RA). Via Campidori, 11.
web: www.twitter.com/zingarojazzclub

Mercoledì 2 novembre 2016, lo Zingarò Jazz Club di Faenza ospita lo Standard Quartet formato da Alessandro Gusella al pianoforte, Daniele Sabatani alla batteria, Gian Luca Ravaglia al contrabbasso e Marco Preger alla chitarra. Il concerto avrà inizio alle 22 ed è ad ingresso libero.

Lo Standard Quartet si è formato grazie all’incontro tra il pianista Alessandro Gusella e il batterista Daniele Sabatani. La sua musica compie un volo pindarico sul jazz di ieri e di oggi attraverso le melodie che hanno reso celebre il genere e le composizioni più attuali. Il percorso del quartetto cerca, grazie all’interplay tra i quattro musicisti esplora il linguaggio universale che accomuna e caratterizza l’essenza di un’arte che ha attraversato il novecento. (altro…)

Comacchio e Lidi in Jazz 2016

Comacchio e le sue valli, la rigogliosa pineta, il lungo litorale e la visionaria architettura della Casa Museo Remo Brindisi costituiscono lo straordinario proscenio di “Comacchio e Lidi in Jazz”, rassegna concertistica itinerante organizzata dall’Associazione Culturale Jazz Life con il sostegno di Comune di Comacchio e Camera di Commercio di Ferrara.
Giunta quest’anno alla seconda edizione, la kermesse – inclusa nell’ampio contenitore di eventi firmato “Aspettando la Sagra dell’Anguilla” – condurrà, a partire da sabato 25 giugno, alla scoperta del territorio comacchiese attraverso un articolato mosaico musicale. Sette gli appuntamenti per sette differenti location che, da Gorino Ferrarese, ripercorreranno i Sette Lidi fino a Spina.
Si parte quindi (sabato 25 giugno ore 19.00) con “Un Po di jazz al tramonto con la Rosa delle Sabbie”: escursione a bordo della Motonave Principessa che approderà al Faro di Gorino, passando per la romantica Isola dell’Amore. Ammirando tenui nuances crepuscolari fuse alle note del Jazzlife Trio formato da Livia Boattini alla voce, Alessandro Scala al sassofono e Luca di Luzio alla chitarra, sarà possibile gustare il goloso aperitivo realizzato in collaborazione con Tenuta Garusola – Cooperativa Giulio Bellini e Strada dei Vini e dei Sapori della Provincia di Ferrara. Attraverso un’originale miscela fatta di blues, soul, funky e naturalmente jazz, il trio affronta brani di maestri assoluti quali Irving Berlin, Duke Ellington, George Gershwin e Richard Rodgers, che rivivono animati da moderne sonorità, laddove il virtuosismo viene meno per lasciare spazio a toccanti vibrazioni (per informazioni e prenotazioni 339 6274052 – 340 8844687).
Giovedì 7 luglio (ore 20.30), la rassegna tocca l’antica Magnavacca (Porto Garibaldi) dove il ristorante “Quelli di Flip” ospiterà il quartetto capitanato dal sassofonista romagnolo Alessandro Scala. Atmosfere vintage, che riconducono alle mitiche incisioni Blue Note anni ’60, rivivono nel repertorio che alterna celebri standard a composizioni originali. Personalità eclettica, Scala ama spaziare tra diversi generi musicali che vanno dal jazz alla bossa nova, dal funk al blues con grinta e creatività. Presenza stabile nei migliori jazz club e rassegne nazionali, Scala vanta collaborazioni con artisti quali Flavio Boltro, Marilyn Mazur, Fabrizio Bosso, Mario Biondi e Ares Tavolazzi tra gli altri. Il Ristorante propone un menù di pesce a tema accompagnato dai “Vini delle Sabbie” del Bosco Eliceo. È consigliata la prenotazione al 346 7289388.
Dopo Porto Garibaldi è la volta del Lido di Volano con Pineta in Jazz dove, in occasione del Santo Patrono dei Forestali, si terrà – martedì 12 luglio alle ore 21.00 alla Chiesa di S. Giovanni Gualberto – il concerto dei Quarti di luna, quartetto classico formato da Domenico Banzola e Mariangela Brignani al flauto traverso, Consuelo Castellari al violino e Lucia Ragazzini al pianoforte. La formazione ripercorrerà alcune pagine musicali del ’900, da Piazzolla a Morricone e ai Beatles, attraverso arditi arrangiamenti originali che non disdegnano contaminazioni pop-rock. A partire dalle ore 20.00 sarà possibile degustare una selezione di vini scelti dalla Strada dei Vini e dei Sapori della Provincia di Ferrara. (Ingresso libero. Per informazioni 335 1340537).
Il Lido delle Nazioni, invece, rende omaggio (martedì 26 luglio alle ore 21 in Lungomare Italia) all’Italia della Dolce Vita e al grande cinema con l’emozionante concerto di Monia Angeli, con cui la storia della canzone italiana rivivrà attraverso brani indimenticabili come “Malafemmena” e “Roma non far la stupida stasera”.
Per l’occasione, la jazz singer sarà accompagnata da Stefano Nanni al pianoforte, Giorgio Fabbri al contrabbasso e Gianluca Nanni alla batteria. Talento precoce, Monia Angeli inizia a cantare professionalmente all’età di 17 anni calcando numerosi palchi del Belpaese. Il carattere eclettico la conduce ben presto a spaziare e ad esplorare, oltre al canto, i territori del musical e della composizione dopo aver studiato pianoforte e sassofono.
Venerdì 5 agosto (ore 20.30) si torna a Porto Garibaldi, al Ristorante Cantinon al Mare – Bagno Apollo 72, per lasciarsi trasportare dal trascinante groove dei Duck Juice, jazz-funk band formata da Gian Piero Benedetti (sassofono), Luca Chiari (chitarra) Lorenzo Locorotondo (tastiere), Emanuele Locorotondo (batteria) e Guglielmo Campi (percussioni), che presenterà l’omonimo album di debutto. Per l’occasione lo chef propone un menù degustazione a base di carne alla griglia accompagnata da vino Fortana. È consigliata la prenotazione allo 0533 311458.
La notte di San Lorenzo (mercoledì 10 agosto, alle ore 20.00), potremo puntare il naso all’insù e godere della magia delle stelle cadenti tra i rigogliosi vigneti del Bosco Eliceo, in compagnia di un buon calice di “vini delle sabbie” e delle note del Luca di Luzio Blue(s) Room Trio. La formazione, guidata dall’apprezzato chitarrista pugliese e completata da Sam Gambarini all’organo Hammond e Max Ferri alla batteria, trae ispirazione dal sound dei mitici organ trio anni ’60 corroborato da protagonisti quali Grant Green, Kenny Burrell, Jimmy Smith e Jack McDuff. Il repertorio alternerà brani della tradizione afroamericana a pezzi contemporanei sapientemente arrangiati dall’estro del band leader (ingresso libero. Per informazioni 335 1340537).
L’articolata rassegna chiude in bellezza – venerdì 19 agosto, alle ore 21.00 – con il quintetto capitanato dalla talentuosa Livia Boattini, nel suggestivo giardino della Casa Museo Remo Brindisi al Lido di Spina.
Nel ripercorrere alcuni salienti capitoli della storia della musica afroamericana, la vocalist sarà accompagnata da Luca Quadrelli al sassofono, Luca di Luzio alla chitarra, Onorino Tiburzi al contrabbasso e Max Ferri alla batteria.
Livia Boattini (Faenza, 1989) si avvicina al canto esplorando in primis il panorama della musica leggera e pop, per poi laurearsi in Canto Jazz al Conservatorio “A. Buzzolla” di Adria, con una tesi dedicata alla figura Billie Holiday curata da Marta Raviglia e Ada Montellanico. Successivamente, partecipa a numerosi workshop tenuti da artisti del calibro di Antonio Sanchez e Marco Tamburini. Il suo esordio discografico risale al 2010 con “Respiro e Aspiro” per Edizioni Settenote (ingresso libero. Per informazioni 335 1340537).

(altro…)