Il 30 marzo a Venezia CREI, il nuovo ensemble fondato dal sassofonista Nicola Fazzini debutta al MusiCaFoscari Jazz Fest

Una grande attenzione alla contemporaneità, all’innovazione e alla ‘costruzione’ musicale: sono questi alcuni tra i caratteri di CREI (Composizione, Ricerca e Improvvisazione) neonato ensemble a geometria variabile, fondato e diretto dal sassofonista Nicola Fazzini in collaborazione con il progetto MusiCafoscari dell’Università Ca’ Foscari di Venezia e l’etichetta musicale nusica.org, che vede una nutrita front-line di strumenti a fiato e una vigorosa sezione ritmica a ‘creare’ (come già dice il nome) un suono che evoca sì il jazz ma che ha l’ambizione di rappresentare e interpretare il luogo, il tempo e la realtà in cui viviamo e in cui siamo quotidianamente immersi.
Il gruppo è formato da alcuni tra i migliori e caparbi esecutori e compositori del Nordest Italia ossia, Ettore Martin al sax tenore, Gianluca Carollo e Daniele Goldoni alla tromba, Federico Pierantoni al trombone, Alberto Prandina al corno, Glauco Benedetti alla tuba, Saverio Tasca al vibrafono, Alessandro Fedrigo al basso elettrico e Luca Colussi alla batteria.
Questa formazione esordirà domenica 30 marzo (ore 21.00) presso il Teatro Ca’ Foscari Santa Marta di Venezia (Dorsoduro 2137), nell’ambito e a chiusura della seconda edizione del MusiCaFoscari Jazz Fest, una tre giorni di concerti gratuiti dentro e attorno al jazz e alla musica d’improvvisazione contemporanei.

(altro…)

Anche quest’anno Fano Jazz centra gli obiettivi

Dee Dee Bridgewater (Amanera Photo)

Dee Dee Bridgewater (Amanera Photo)

Anche quest’ anno “Fano Jazz by the Sea” ce l’ ha fatta, nonostante gli scarsi finanziamenti, la crisi, il periodo certamente poco favorevole per la cultura in tutti i settori.  D’ altronde quello di Fano è un Festival oramai divenuto appuntamento irrinunciabile per moltissimi appassionati di Jazz (quella di quest’ anno è la XX edizione) e sarebbe stata molto visibile la sua scomparsa nei meandri della crisi economica.

Un programma ricco e variegato, per tutti i gusti e per vari tipi di jazz, location suggestive.  La nostra inviata Daniela Floris ha assistito ai due concerti in programma alla Corte Malatestiana mercoledì 25 e giovedì 26 luglio: Dee Dee Bridgewater con il suo quartetto e il trombettista Paolo Fresu in duo con il pianista Omar Sosa.  Dopo il salto il resoconto.

(altro…)

Lorenzo Tucci: “Tranety” ovvero il mio incontro con John Coltrane

Lorenzo Tucci

Lorenzo Tucci (foto Andrea Boccalini)

In aprile esce per l’ etichetta “Albore jazz”  “Tranety”, il nuovo disco del batterista Lorenzo Tucci, che ha sentito l’ esigenza di misurarsi con la musica e la poetica di John Coltrane, cercandone l’ essenza con Claudio Filippini al pianoforte e Luca Bulgarelli al contrabbasso.  Daniela Floris ha parlato con Tucci del suo speciale e profondo rapporto con Coltrane , di questo progetto, e delle scelte stilistiche e delle sonorità che lo caratterizzano.

(altro…)

Enrico Pieranunzi plays Scarlatti

IL MUSICISTA DI CORTE ED IL JAZZISTA

Si passano ore a tentare di capire perche’ un concerto da impeccabile stilisticamente diventi emozionante, commovente, gioioso, persino sensuale. Certamente l’ incontro tra musicisti apparentemente agli antipodi, separati da tre secoli di musica e da linguaggi sonori opposti, e’ anomalo. Un jazzista, che dell’ improvvisazione ha fatto non una semplice variazione tematica virtuosistica, ma una “composizione estemporanea”, proveniente sempre da un vissuto emozionale profondo ed un geniale musicista di corte, che compone le sue complesse sonate con una scrittura scoperta che non lascia scampo al pianista: e’ necessaria una tecnica ferrea per non tralasciare alcun passaggio di quel mirabile intreccio contrappuntistico di note. Lo stupore nasce proprio perchè composizioni concepite con quel rigore porterebbero a pensare ad una “prigionia” di chi decide di eseguirle, ad una sorta di coercizione esecutiva obbligata, volta a garantire un perfetta riproduzione degli artifizi tecnici e stilistici: e la coercizione e’ il contrario dell’ improvvisazione.

(altro…)