Cueva Summer Jazz 2016

Una cortina di stelle, il Castello della Mesola e la millenaria Abbazia di Pomposa formano la straordinaria scenografia degli appuntamenti firmati Cueva Summer Jazz 2016: sei imperdibili concerti ad ingresso libero che – tra luglio ed agosto – dispenseranno vibranti emozioni in musica abbinate alle invitanti proposte culinarie dello chef Luca Agnelli.
L’apprezzata rassegna concertistica, giunta alla sesta edizione, è organizzata dal Ristorante La Cueva in collaborazione con Jazz Club Ferrara, con il patrocinio dell’Assessorato alla Cultura della Regione Emilia-Romagna e del Comune di Codigoro.
Soul, Brasilian sounds, funk e jazz colorano il corposo palinsesto che punta l’accento sulle voci femminili e non solo. L’apertura della rassegna, in programma per sabato 02 luglio (ore 22.00), si terrà in trasferta in una location d’eccezione, il Castello della Mesola dove, in occasione della Notte Rosa, si esibirà una delle punte di diamante del cantautorato italiano, Patrizia Laquidara. Cantante, autrice e, occasionalmente, anche scrittrice e performer, la Laquidara spazia dalla canzone d’autore alla musica popolare, alla sperimentazione vocale. La “poetessa di estrazione maudit”, così viene definita per la sua scrittura ricercata ed evocativa, propone un viaggio lungo un percorso a lei caro, quello della canzone d’autore dove la musica, più che accompagnare, entra in risonanza con la voce passando dalla sensualità al gioco, dal mistero al rito, dalla delicatezza al dramma, con la naturalezza che le è propria. Ad accompagnarla saranno la chitarra a sette corde ed il cavaquinho manipolati dalle dita esperte di Daniele Santimone.
Atmosfere straight ahead e un’aura di elegante classicità trovano ideale compendio nel timbro fluido e intenso di Eloisa Atti (sabato 16 luglio, ore 22.00), impegnata in un toccante omaggio alla figura di Billie Holiday. Nel ripercorrere musicalmente la vita di colei che è considerata la cantante jazz per antonomasia, proponendo altresì composizioni originali che colpiscono per la dirompente carica emotiva, la Atti sarà affiancata da Matteo Raggi al sax tenore, Davide Brillante alla chitarra e Stefano Travaglini al contrabbasso.
Cueva ama spaziare lungo le rotte musicali più variegate, alla scoperta delle matrici primigenie e delle contaminazioni che rendono il jazz materia assolutamente fluida e permeabile. È per questo che, sabato 23 luglio (ore 22.00), la rassegna ospita una tappa del tour italiano della pianista, cantante e compositrice brasiliana Anne Boccato che, coadiuvata da tre protagonisti del jazz nazionale come Achille Succi (sassofoni), Stefano Dallaporta (contrabbasso) e Andrea Grillini (batteria), darà vita ad una magnetica miscela in cui suadenti sonorità carioca si fondono al Modern jazz della Grande Mela.
Il fine settimana successivo (sabato 30 luglio alle ore 22.00) vede invece il gradito ritorno di Alessia Obino che presenterà il nuovissimo “A Sound’s A Million Shapes”, progetto in cui la musica trae ispirazione dalle composizioni di alcuni personaggi rappresentativi della scena jazz e soul degli anni ’70. Alla rilettura di brani celebri si mescolano composizioni originali dal sapore visionario dove jazz, libera improvvisazione, rock e soul sconfinano l’uno nell’altro per restituire un suono eterogeneo che costituisce la cifra stilistica del gruppo completato da Giancarlo Bianchetti alla chitarra, Rosa Brunello al basso elettrico e Marco Frattini alla batteria.
Sabato 13 agosto (ore 22.00) la voce cede il passo al sound carico di groove ostinati dei Rich Double & Afrobeaters, alle prese con un repertorio di musica jazz funky e afrobeat che include brani di Eddie Harris, Pee Wee Ellis, Horace Silver, John Scofield, Wayne Shorter, oltre che alcune composizioni originali del gruppo. La band, guidata dal virtuoso batterista Riccardo Paio, è formata da Federico Pierantoni al trombone, Glauco Benedetti alla tuba – entrambi membri della live band di Jovanotti – e Daniele Santimone alla chitarra.
Il compito di chiudere in bellezza l’edizione 2016 di Cueva Summer Jazz spetta infine – sabato 20 agosto, ore 22.00 – al quartetto di uno dei talenti più interessanti della scena nazionale, Giovanni Benvenuti. Coadiuvato da Simone Graziano al pianoforte, Francesco Pierotti al contrabbasso e Andrea Grillini alla batteria, il giovane sassofonista presenterà “Che fine ha fatto il Signor Bowman”, album d’esordio per Emme Record. A dispetto della giovane età, Giovanni Benvenuti (Siena, 1989) ha già messo a segno un’esibizione al Panama Jazz Festival e in svariate location sparse tra New York e Boston a fianco di altri protagonisti della scena contemporanea italiana come Francesco Diodati, Alessandro Lanzoni e Achille Succi tra gli altri. Da citare altresì le collaborazioni con John Taylor, Guinga, Barbara Casini e Danilo Perez. Vincitore del Premio Massimo Mutti, indetto nell’ambito del Bologna Jazz Festival, Benvenuti collabora altresì con la Eskimo Jazz Band diretta da Fabio Morgera.
Cena a partire dalle ore 20:00. Inizio concerti ore 22:00. In caso di maltempo gli eventi si svolgeranno all’interno del locale e all’interno del Castello della Mesola. Cocktail bar aperto per chi volesse partecipare al solo concerto. Per informazioni e prenotazioni: www.lacuevapomposa.it , tel. 0533 719121 – 347 8742694 (altro…)

Cueva Summer Jazz 2015

CUEVA SUMMER JAZZ 2015

V Edizione
04 luglio – 22 agosto 2015

L’incantevole giardino estivo del ristorante La Cueva, che vanta una quinta teatrale d’eccezione come la millenaria Abbazia di Pomposa, riapre i battenti pronto a puntare i riflettori su una nuova e coinvolgente edizione di Cueva Summer Jazz.
La rassegna concertistica, giunta quest’anno alla quinta edizione, è realizzata in collaborazione con Jazz Club Ferrara, con il patrocinio dell’Assessorato alla Cultura della Regione Emilia-Romagna e del Comune di Codigoro, dell’Ente di Gestione per i Parchi e la Biodiversità – Delta del Po e di Ferrara Terra e Acqua.
Saranno sei gli imperdibili appuntamenti ad ingresso gratuito che, tra luglio e agosto, dispenseranno un raffinato connubio fatto di note e alta gastronomia elaborata dall’estro dello chef Luca Agnelli.

Sonorità afro-brasiliane, musica manouche, groove d’autore e tanto jazz costituiscono la miscela esplosiva di questa nuova stagione che aprirà il sipario, in occasione della Notte Rosa, sabato 04 luglio (ore 22.00) con un maestro assoluto del bebop, il trombettista americano Tom Kirkpatrick e la sua Jazz Workshop Orchestra. Formatosi presso la Juilliard School of Music di New York, Kirkpatrick ha collaborato con mostri sacri del jazz quali Chet Baker, Lou Donaldson, George Coleman e Clifford Jordan, solo per citarne alcuni.Purezza del suono, versatilità ritmica e cangianti sfumature timbriche costituiscono la cifra stilistica di Kirkpatrick con cui anche gli standards più battuti vibrano di nuova luce. Il bandleader si esibirà in quartetto affiancato dal sax tenore di Valerio Pontrandolfo, Luca Pisani al contrabbasso e Alberto Chiozzi alla batteria.

Atmosfere straight ahead e un’aura di elegante classicità trovano un ideale compendio espressivo nel timbro fluido e intenso di Chiara Pancaldi (sabato 11 luglio, ore 22.00), la cui scioltezza nella tecnica scat e la versatilità con cui passa dallo swing al bop, ne fanno una delle voci emergenti più interessanti del panorama jazz. Già al fianco di artisti del calibro di Cyrus Chestnut e Kirk Lightsey, la giovane cantante bolognese parteciperà a breve alla competition indetta dal prestigioso Montreaux Jazz Festival. Affiancata da Giancarlo Bianchetti alla chitarra, Mirko Scarcia al contrabbasso e Andrea Nunzi alla batteria, la Pancaldi presenterà I Walk A Little Faster, cd edito da Challenge Records (Aprile, 2015) che sancisce il debutto internazionale dell’apprezzata jazz singer.

Ma Cueva ama anche spaziare lungo le rotte musicali più variegate, alla scoperta delle matrici primigenie e delle contaminazioni che rendono il jazz materia assolutamente fluida e permeabile. È per questo che, sabato 25 luglio (ore 22.00), seguendo le orme del celebre Quintette du Hot Club de France formato da Django Reinhardt, la rassegna propone le travolgenti sonorità manouche del Gipsy Strike Quintet che, oltre al contrabbasso magistralmente ‘manipolato’ da Pietro Cavalieri D’Oro, vede ben tre chitarre imbracciate rispettivamente da Martino Salvo, Diego Rossato e Carlo Stupiggia, atte a sostenere le rapinose iperboli del clarinetto di Michele Uliana in prima linea. La serata sarà arricchita da un menù degustazione dei prodotti Andalini, pasta dal 1956.

(altro…)