Ulf Wakenius Trio, la chitarra jazz dalla Svezia dal vivo all’Elegance Cafè

Ulf Wakenius si è guadagnato sul campo la sua fama, grazie ad un percorso non facile, dato anche il luogo di provenienza: la piccola cittadina di Halmstad in Svezia. Nonostante tutto è divenuto membro del quartetto di Oscar Peterson e del trio di Ray Brown. Artisti tra i più versatili, Ulf sa entusiasmare il pubblico in ogni occasione, sia che si lasci irretire dalle amate sonorità blues, sia che si produca in difficilissime evoluzioni fusion, come per il celebre incontro con Pat Metheny al Jazz Baltica del 2003. Non mancano anche momenti più delicati ed intimi, come per l’ultimo suggestivo cd del 2014 intitolato “Momento magico” proprio dedicato all’Italia. Il concerto all’ Elegance Cafè jazz club, è stato pensato per rendere omaggio a Wes Montgomery, che può a ragione essere considerato uno dei più grandi chitarristi nella storia del jazz, l’unico che sia stato capace di operare un’evoluzione dello strumento, pur nel solco della grande lezione di Django Reinhardt e, soprattutto, di Charlie Chistian. Il trio, perfettamente completato dalla batteria di Match e dall’hammond di Corradi, che stupisce per la sua maestria, nonostante la ancor giovane età, non solo proporrà una scaletta che attinge a piene mani dal repertorio del grande chitarrista, ma, riesce anche a ricreare il sound caro a Montgomery, dimostrando un’intesa davvero sorprendente e manifestando una palpabile gioia nel semplice atto del suonare.
Sul palco Ulf Wakenius (chitarra), Leonardo Corradi (organo) e Tony Match (batteria). (altro…)

Fred Wesley dal vivo all’Elegance Cafè

Decenni dopo il suo lavoro con James Brown e George Clinton, Fred Wesley  si è affermato come uno degli artefici  del funk, il suo nuovo progetto crea un legame tre le sue radici jazz e le future generazioni. Un trio con Wesley a 73 anni è ancora un virtuoso del trombone, il prodigio italiano Leonardo Corradi all’organo, il batterista francese Tony Match. Tre musicisti che inizialmente si sono riuniti per rendere omaggio al jazz soul del leggendario organista Jimmy Smith,  continuano a suonare assieme nel nome del groove. Il loro spettacolo combina il talento e l’esperienza di Wesley che ha lavorato con artisti da Count Basie e Ray Charles, fino a Lenny Kravitz e D’Angelo, con il tocco di Corradi e la ritmica colorata di Match che si avvale anche di ritmi africani e suoni elettronici.
Wesley è riconosciuto come il trombonista funk di riferimento. Insieme a Maceo Parker e Pee Wee Ellis era uno dei membri fondamentali della sezione fiati dei gruppi di James Brown e anche il direttore musicale della James Brown’s Band. Ha suonato moltissimi brani di successo come “Say it Loud – I’m Black and I’m Proud” e “Mother Popcorn” e anche come coautore di “Hot Pants”.
La sua lunga carriera gli ha permesso di collaborare, oltre che con Brown e Clinton, con artisti del calibro di Ray Charles, Lionel Hampton, Randy Crawford, Vanessa Williams, The SOS Band, Cameo, Van Morrison, Socalled e De La Soul e tanti altri. Nel 1975 lasciò i “J.B.’s” per collaborare con George Clinton ed i suoi vari progetti (Parliament e Funkadelic), e anche incidendo in proprio con un gruppo satellite di questi progetti , chiamato “The Horny Horns”. (altro…)