Radio Zastava al TrentinoInJazz 2019

TRENTINOINJAZZ 2019
e
Lagarina Jazz
presentano:

Venerdì 5 luglio
ore 19,00
Cantina Mori Colli Zugna
SP 90 Loc. Formigher, 2
Mori (TN)

RADIO ZASTAVA

Visita guidata con concerto itinerante – Ingresso 10 Euro

Ultimo concerto del Lagarina Jazz nel ricco cartellone di eventi del TrentinoInJazz 2019: venerdì 5 luglio alla Cantina Mori Colli Zugna il concerto itinerante con visita guidata dei Radio Zastava, la big band composta da Nico Rinaldi (sax alto), Gabriele Cancelli (tromba e voce), Leo Virgili ( trombone e voce), David Cej (fisarmonica), Predrag Pijunović (tamburo tapan), Stefano Bragagnolo (percussioni), Marco Kappel (flicorno helikon), Walter Grison (sax tenore e baritono).

Otto musicisti provenienti dall’area multiculturale di Gorizia, che gareggiano nella produzione di energia, trascinando il pubblico con il loro mix di musiche balcaniche, funk, jazz, reggae e punk. Le matrici di base di Radio Zastava affondano nella tradizione delle Orkestar balcaniche, le fanfare che Goran Bregovic ha portato a conoscenza sulla scena internazionale e che Emir Kusturica ha utilizzato per un film di culto come “Underground”. Si parte dalla stessa girandola di ritmi, teatralità e danze che si sono incontrate e fuse nel mondo balcanico, ma nel caso di Radio Zastava, l’apertura verso le contaminazioni è ad ampio raggio: agli ottoni e alle percussioni si aggiungono sassofoni e fisarmonica, aprendo la strada verso jazz, rhythm and blues e tante altre influenze. Si va dai riferimenti al jazz arcaico, New Orleans e Dixieland, allo Swing e naturalmente alle espressioni più contemporanee. La mescolanza con i ritmi asimmetrici e trascinanti delle danze balcaniche rende il tutto irresistibile, condito di irriverenza e di accesi colori musicali.

La band, attiva dal 2005, si è fatta apprezzare in tutta l’Europa con esibizioni in festival blasonati come Fête de la Musique a Parigi e Paradise Gardens a Londra. Nel 2013 ha ottenuto un notevole riconoscimento al Sabor Trubača in Serbia, il più grande festival del mondo dedicato alle orchestre di fiati di estrazione balcanica.

Prossimo appuntamento: giovedì 11 luglio Ukulele Lovers a Buffaure (TN).

The Lost Boys al TrentinoInJazz

Giovedì 4 luglio
ore 12.00
Rifugio Fredarola
Belvedere
Canazei (TN)

THE LOST BOYS

Giovedì 4 luglio primo appuntamento estivo per il Val di Fassa Panorama Music, la sezione del TrentinoInJazz 2019 che si svolge nel palcoscenico naturale delle Dolomiti della Val di Fassa, organizzata dalle società di impianti a fune della Val di Fassa, con la direzione artistica di Enrico Tommasini. L’inaugurazione tocca ai Lost Boys, che suoneranno dal vivo al Rifugio Fredarola, Belvedere di Canazei.

Poncio Belleri (chitarre), Ottavio Barbieri (tastiere), Nicola Zanardelli (basso) e Paolo Zanaglio (batteria) sono quattro giovani musicisti bresciani riuniti con l’idea di unire dal vivo ritmi incalzanti e atmosfere leggere, portamenti black e una spolverata di soul, la propulsione del funk e la malinconia del blues… il tutto condito da una marcata intenzione jam. I concerti Panorama Music sono gratuiti. Il biglietto di andata/ritorno degli impianti di risalita è a carico dei partecipanti. In caso di maltempo il concerto si terrà all’interno del Rifugio Fredarola.

Concerto per Carlo Alberto Canevali

Domenica 30 giugno
ore 21.30
Cortile di Palazzo Libera
Villa Lagarina (TN)

CONCERTO PER CARLO ALBERTO CANEVALI

Ingresso 10 Euro.
L’incasso sarà devoluto all’Associazione accademia di Strada

Un evento importante e sentito, domenica 30 giugno, nel cartellone del TrentinoInJazz 2019 e Lagarina Jazz: il concerto in memoria di Carlo Alberto Canevali, l’amatissimo batterista scomparso a 49 anni lo scorso 10 marzo. Appuntamento a Villa Lagarina (TN), in collaborazione con CDM di Rovereto: ingresso 10 euro, che saranno devoluti all’Associazione accademia di Strada.

Nel corso della sua breve seppure intensa vicenda artistica e umana, Carlo Alberto Canevali ha suonato con un numero davvero grande di musicisti. Ha mostrato duttilità stilistica, sensibilità musicale, grande curiosità intellettuale. Ha espresso una forte passione umana, immergendo tutto sé stesso con convinzione in tutte le sfide che la vita gli presentato. Ha affrontato anche la sua ultima sfida con tenace ottimismo, spesso infondendo energia e coraggio in chi gli stava accanto. Tanto è stato detto sulle innumerevoli cose che Carlo Alberto ha intrapreso: i progetti musicali; il lavoro didattico, dapprima al Cdm di Rovereto, poi in Australia, nel suo soggiorno di quattro anni a Melbourne, dove ha studiato e applicato con passione le teorie di Edwin E. Gordon, rivolte allo sviluppo della disposizione innata, istintiva dei bambini (e dell’essere umano in generale) verso la musica.

Di Carlo Alberto ricordiamo la creazione nel 2009 della raffinata etichetta discografica “nBn”, con la quale ha presentato lavori propri, ma anche di musicisti in cui credeva. E ancora la direzione artistica di festival come “Le Vie del Suono” a Levico Terme, dove ha portato la sua visione musicale aperta, attenta ai giovani di talento. Non dimentichiamo la direzione dell’orchestra jazz “Villa Lagarina Big Band”, ereditata da Alessandro Zampini e sviluppata con idee stimolanti e originali. Il lavoro nella musica di Carlo Alberto si è anche accompagnato all’azione sociale, tra l’altro con l’esperienza al Centro Giovani Kamenge, nel Burundi, condotta nel 2011 insieme a Lorenzo Frizzera. Per tutto questo vogliamo ricordare Carlo Alberto, lo vogliamo sentire ancora insieme a noi in un concerto che coinvolge un folto gruppo di musicisti a lui particolarmente vicini. Il ricavato di questa serata sarà devoluto all’Associazione “Accademia di Strada”, da lui progettata insieme alla moglie Alexandra: un luogo di condivisione e integrazione, che si sviluppa con un lavoro musicale in Colombia e con altre attività di forte valenza sociale.

Prossimo appuntamento: giovedì 4 luglio Lost Boys a Canazei (TN).

Stefano Colpi Atrio al TrentinoInJazz 2019

Sabato 29 giugno
ore 21,30
Cortile Museo del pianoforte antico
Via Santa Caterina, 1
Ala (TN)

STEFANO COLPI ATRIO

Ingresso 10 Euro

Un altro concerto importante per l’edizione 2019 del TrentinoInJazz: nel programma del Lagarina Jazz, ad Ala (TN), sabato 29 giugno torna Stefano Colpi con il suo Atrio, insieme a Roberto Cipelli (pianoforte) e Mauro Beggio (Batteria).

Il progetto Atrio scaturisce dall’attività compositiva di Stefano Colpi, stimolata in un primo momento dal contatto con il pianista Stefano Battaglia e con il batterista Carlo Alberto Canevali, e documentata dal cd Where Do We Go From Here? (2003). Da più di dieci anni il nome è lo stesso (quando l’organico si amplia, diventa Open Atrio) ma i componenti cambiano, seguendo le avventure compositive del contrabbassista trentino. Sotto questa formula si sono dunque alternati vari musicisti: dagli apprezzati pianisti Stefano Battaglia e Roberto Cipelli, al clarinettista Mauro Negri, ai batteristi Carlo Canevali e Stefano Bertoli. Sono stati coinvolti vari solisti di rango della scena regionale trentina, come Walter Civettini, Michele Giro, Michael Lösch, Giuliano Cramerotti, Enrico Tommasini.

Nel 2009, la versione di Open Atrio con Mauro Negri, Roberto Cipelli e Stefano Bertoli fu presentata ad Ala, nel cartellone di Lagarina Jazz. Torna ora nella città di velluto, con la formula originaria del trio con pianoforte, coinvolgendo due figure di spicco del panorama jazzistico nazionale e internazionale, quali Roberto Cipelli e Mauro Beggio. Il primo, pianista di grande sensibilità, vanta collaborazioni con molti tra i più rappresentativi musicisti italiani e stranieri, tra cui Dave Liebman, Sheila Jordan, Tom Harrell, Paolo Fresu, Gianluigi Trovesi. Il secondo, autentico virtuoso del proprio strumento, ha iniziato giovanissimo nel quartetto di Enrico Rava e in seguito ha collaborato tra l’altro con Johnny Griffin, Toots Thielemans, Paul Bley, Kenny Wheeler.

Double Cut al TrentinoInJazz 2019

Venerdì 28 giugno
ore 21.30
Cortile di Palazzo Libera
Villa Lagarina (TN)

TINO TRACANNA DOUBLE CUT

Ingresso 10 Euro

Secondo appuntamento per il Lagarina Jazz, una delle sezioni “storiche” del TrentinoInJazz, venerdì 28 giugno a Villa Lagarina: uno dei concerti più attesi dell’intero programma della rassegna, quello dei Double Cut di Tino Tracanna, venerdì 28 giugno. E’ un graditissimo ritorno al TrentinoInJazz, dopo la loro partecipazione nel 2017, per Tino Tracanna (sax tenore e soprano, melodica), Massimiliano Milesi (sax tenore e soprano), Giulio Corini (contrabbasso) e Filippo Sala (batteria).

Double Cut, doppio taglio, si riferisce alla presenza nel quartetto di due sax tenori, che all’occorrenza diventano soprani. Un raddoppio delle prospettive, dei punti di vista, che nella musica di Tino Tracanna acquista un particolare senso di moltiplicazione, di intreccio in cui il contrasto e l’empatia ricevono uguale attenzione. Ma il doppio taglio può anche essere riferito alla presenza, all’incontro di due generazioni, che la regia di Tracanna mette in grado di esprimersi in modo multiforme e sfaccettato. Le parole dello stesso leader sono illuminanti: “Due segni non delimitano uno spazio ma ne moltiplicano il senso, generando infiniti rimandi e collegamenti. Così è la musica oggi, carica di un immenso passato con la necessità immediata di coniugarne la complessità o riscoprirne la perduta semplicità”.

Il quartetto ha due cd all’attivo: Mappe, pubblicato da Parco della Musica Records, è uno dei lavori più importanti del 2018. La rilevanza di Tracanna nella scena italiana è evidente: lo troviamo già giovanissimo nei gruppi di Franco D’Andrea e da più di trent’anni è componente dello storico quintetto di Paolo Fresu. I suoi lavori personali si collocano tra le cose più significative del jazz contemporaneo in Italia. Massimiliano Milesi è stato allievo di Tracanna e ne ha declinato con nuova linfa il rigore, la capacità di sviluppare un discorso musicale coerente. Giulio Corini è tra i più apprezzati esponenti della nuova scena nazionale ed ha collaborato tra l’altro con Enrico Rava, John Abercrombie, Ralph Alessi. Filippo Sala ha suonato con diversi solisti internazionali, tra cui Ralph Alessi, Sabir Mateen e Giovanni Falzone.

Prossimo appuntamento: sabato 29 giugno Stefano Colpi Atrio a Ala (TN).

Sarah Stride al TrentinoInJazz 2019

TRENTINOINJAZZ 2019
e
TrentinoIn Jazz Club

presentano:

Domenica 23 giugno 2019
ore 19.00
Circolo Operaio Santa Maria
Via Santa Maria 18
Rovereto

SARAH STRIDE DUO

Terzo concerto estivo per il TrentinoInJazz 2019, giunto alla sua ottava edizione, in una location ormai fedelissima come il Circolo Operaio Santa Maria di Rovereto. Nel cartellone del TrentinoIn Jazz Club – ideato da Emilio Galante – domenica 23 giugno torna Sarah Stride in duo con il chitarrista Frank Martino. E un atteso ritorno per la vocalist protagonista di un’intensa attività live, tanto da aver aperto concerti di importanti artisti (Morcheeba, Television, Morgan, Joan as Police Woman…)

Con uno stile cantautorale unico nel suo genere, Sarah Stride ha dato un assaggio della sua singolarità artistica con il nuovo album Prima Che Gli Assassini, realizzato con Kole Laca (Il Teatro degli Orrori, 2Pigeons) e Manuele Fusaroli (The Zen Circus, Nada, Andrea Mirò). Insieme ai precedenti lavori, il disco ha messo in risalto le sonorità personali dell’artista: rock, elettronica e industrial a fare da tappeto a una voce che riporta alla memoria i timbri tipici delle grandi interpreti anni ’60 – Mina, Ornella Vanoni, Nada – e che a tratti rimanda anche agli anni ’80 della Bertè. Una voce, quella di Sarah, che in alcuni momenti, d’un tratto, quasi nevroticamente, si comprime e si scurisce, per poi esplodere in sprazzi di suoni dal sapore internazionale. Il duo riproduce le sonorità granitiche dell’album attraverso un’elettronica asciutta e minimale e un uso della voce e delle chitarre onirico e rarefatto.

Prossimo appuntamento: venerdì 28 giugno Tino Tracanna Double Cut a Villa Lagarina (TN).