A OTTOBRE CONCERTI IN QUATTRO STATI AFRICANI DI FRANCESCO BEARZATTI TINISSIMA QUARTET

Tempo di lettura stimato: 3 minuti

Bearzatti & Tinissima quartet

Bearzatti & Tinissima quartet

La Direzione Generaleper la Promozione del Sistema Paese del Ministero degli Affari Esteri organizza, in collaborazione conla Fondazione Musicaper Roma, una tournée in quattro Paesi dell’Africa subsahariana per uno dei progetti musicali e multimediali più importanti degli ultimi anni: “X (Suite for Malcom)” di Francesco Bearzatti, prodotto dalla Parco della Musica Records che, tra gli altri riconoscimenti, ha vinto il premio come Miglior Disco e come Migliore Formazione nel concorso Top Jazz 2010.

Il progetto è dedicato al leader afroamericano che con la sua azione e il suo pensiero ha contribuito a imprimere un cambiamento radicale nel rapporto fra cittadini bianchi e di colore negli Stati Uniti. Particolarmente significativa, quindi, la scelta di un tour tra giovani Paesi, da tempo avviati sulla strada dell’autodeterminazione: il messaggio di libertà e dignità di Malcom X è andato infatti ben oltre la difesa dei diritti degli afro-americani contro il segregazionismo in America, estendendosi a tutti gli angoli del mondo dove la parità tra esseri umani è ancora un’utopia.

Numerosi sono stati negli ultimi tre anni i progetti che Musica per Roma, con il contributo del Ministero degli Affari Esteri e degli Istituti Italiani di Cultura, ha portato all’estero: dal tour in Sud America del2008 inoccasione della mostra itinerante della Collezione d’Arte Italiana Contemporanea alla Farnesina (Pino Iodice, Giovanni Guidi e Daniele Tittarelli, – Parco della Musica Jazz Orchestra), alle repliche dello spettacolo “Uccidiamo il Chiaro di Luna” (Monaco, Bratislava, Amsterdam, Barcellona, nel 2009), fino alla tournée del 2010 di Bosso e Biondini in Mozambico, Sudafrica e Zimbabwe.

X (Suite for Malcolm) è il lavoro di Francesco Bearzatti scritto per il suo Tinissima Quartet: un concept album dedicato al leader afroamericano, prodotto dalla Parco della Musica Records e realizzato come progetto multimediale che prevede la proiezione dal vivo delle illustrazioni di Francesco Chiacchio, proiettate sulle musiche originali. E’ un caleidoscopio di idee e di accenti, che muta continuamente dalle atmosfere più liriche e raccolte alle sonorità più rock, dance, hip hop, composto e arrangiato per esaltare le possibilità espressive di quattro fra i musicisti più ispirati e versatili del panorama internazionale.

Come si accennava, l’album è un tributo al leader nero Malcom X il cui ruolo non viene ancora del tutto riconosciuto. Dall’infanzia a Lansing, nel Michigan, fino a Boston – dove lavora come lustrascarpe e vive il mondo delle sale da ballo e delle grandi orchestre jazz – poi a New York, dove entra nel mondo dei traffici della malavita; quindi l’esperienza del carcere, dove matura la conversione all’Islam, seguiti dagli anni della sua predicazione e il suo attivismo per i diritti degli afroamericani fino al suo assassinio, nel 1965, nel momento in cui il suo pensiero si apriva ad una visione nuova e ampia, libera dai condizionamenti del razzismo e dal nazionalismo nero.

Tutto questo è tradotto in una musica intensa e incalzante, fatta di melodie struggenti e di accelerazioni improvvise, nel segno di una fortissima tensione. L’energia che la band riesce a generare è sorprendente: l’assoluta libertà espressiva e l’interplay rodato in numerosi concerti in tutto il mondo con la Suite for Tina Modotti fanno di ogni del gruppo un’esperienza musicale difficile da dimenticare, esaltata dalla bellezza e dall’impatto delle immagini.

“La storia di Malcolm X è emozionante e profondamente umana” ha detto Bearzatti. “Quando ho iniziato a scrivere avevo in testa la sua vita e volevo raccontarla. Malcolm X e Tina Modotti sono personaggi importantissimi ma non abbastanza celebrati per la loro forza e capacità. Malcolm è una degli uomini più intelligenti e più attivi che abbiano contribuito a cambiare l’aspetto sociale degli afroamericani: mi è sembrato giusto metterlo in risalto, dare un mio contributo per riscoprirlo.”

Tinissima Quartet

Sassofonista, clarinettista e compositore, Francesco Bearzatti è un artista versatile, sessionman prezioso e leader di alcuni dei gruppi più innovativi degli ultimi anni. Dal rock al jazz alla musica elettronica, Bearzatti unisce ai suoi lavori una cultura versatile e inquieta, confluita nei suoi ultimi progetti più trasversali, dal Bizart Trio alla rilettura dei brani dei Led Zeppelin dei Sax Pistols, fino al Tinissima Quartet.

Trombettista e compositore, affermato sulla scena internazionale, Giovanni Falzone è certamente oggi uno dei più originali trombettisti in circolazione. Suona con orchestre e gruppi da camera dividendo le sue passioni trail jazz e la musica classica. È dotato di un suono unico e personale. Regala capitoli di straordinaria intensità, come leader di alcune formazioni che incidono per Soul Note.

Contrabbasso, basso acustico e elettrico, balalaika, Danilo Gallo è nato a Foggia, ma è da inquadrare nel forte movimento artistico-musicale che si sviluppa nel nord-est italiano.

Con , batterista leader di molteplici gruppi e musicista fra i più richiesti in Italia, e una manciata di liberi pensatori fonda El Gallo Rojo Records, non solo una casa discografica indipendente, ma anche importante comunità di artisti, centro di riflessione e divulgazione di idee musicali.

Francesco Chiacchio è un disegnatore fiorentino. Ha incontratoil jazz dalla pubblicazione delle prime illustrazioni perla rivista Jazzit, fino alla realizzazione del libro illustrato “90 secondi all’inferno. Storie Jazz” di Gianluca Monastra e Massimo Basile.

09 ottobre 2011  Maputo (Mozambico)

10 ottobre 2011  Harare  (Zimbabwe)

11 ottobre 2011  Cape Town (Sudafrica)

12 ottobre 2011 Luanda (Angola)

Articoli scelti per te:

Ti è piaciuto l'articolo? Lascia un commento!

Commenti

commenti