Tempo di lettura stimato: 3 minuti

Astor Piazzolla

Astor Piazzolla

Prende il via ogni giovedì, dal 18 novembre fino al 12 maggio, l’annuale stagione dell’Oratorio del Gonfalone presentata alla stampa dal Presidente dell’Oratorio del Gonfalone Emilio Acerna, e dal Direttore Artistico Angelo Persichilli. L’Oratorio del Gonfalone, che è una delle più importanti istituzioni musicali capitoline, quest’anno festeggia 50 anni di attività concertistica nel cuore di .

Ricchissima, come di consueto, la stagione 2010-2011 che proporrà un intenso programma di concerti che spazierà dai capolavori della musica classica, eseguiti da ensemble e solisti d’eccezione, alle contaminazioni jazz e contemporanee, fino alla lirica, al klezmer e alle musiche per il cinema. Ma l’avvenimento, come ha dichiarato il Presidente Emilio Acerna, sarà ricordato con un straordinario previsto per la fine di gennaio, nel 2011, e con la pubblicazione di un volume d’arte e di un CD con i concerti più significativi di questi cinquant’anni.

Sarà Roberto Cappello ad aprire questa nuova stagione del Gonfalone giovedì 18 novembre alle ore 21,00 e lo farà con un omaggio a Chopin per il bicentenario della nascita. Il pianista di fama internazionale aprirà la serata con l’esecuzione delle ballate del grande compositore polacco (Ballata in sol minore n. 1 op. 23, Ballata in fa maggiore la minore n. 2 op. 38, Ballata in la bemolle maggiore n. 3 op. 47 e la Ballata in fa minore n. 4 op. 52)  ispirate da quattro poemi di Mickiewicz: poeta e amico di Chopin. A seguire la versione integrale dei valzer chopiniani, di certo tra le opere più amate dal grande pubblico.

Da non perdere l’appuntamento di giovedì 26 novembre alle 21,00 con i Quint’etto, un ensemble di archi fuori dalle righe formato da cinque docenti dell’Accademia Nazionale di , che plasma e rimodella, facendo incontrare tradizione classica e musica leggera, brani popolarissimi di Domenico Modugno, Glenn Miller, Elvis Presley, ma anche di Wolfgang Amadeus Mozart e Astor Piazzolla.

Tantissimi sono gli eventi degni di nota che impreziosiscono questa straordinaria stagione dell’Oratorio del Gonfalone, come la serata “Da Salisburgo a Hollywood: la grande musica da camere le indimenticabili colonne sonore”, di giovedì 16 dicembre, nella quale l’Orchestra Tartini di Latina diretta da Romolo Gessi eseguirà opere indimenticabili che hanno accompagnato alcuni capolavori del grande schermo: dalle grandi arie classiche di Mozart, di cui ancora oggi molte composizioni vengono utilizzate per il cinema, allo swing di Glenn Miller, alle immortali canzoni per il musical di Cole Porter, alle atmosfere travolgenti del grande compositore inglese Benjamin Britten, al premio Oscar John Williams, autore di colonne sonore immortali.

Grande attesa per lo spettacolo “La Padrona di casa: George Sand racconta Fryderyk Chopin”, scritto e diretto da Sandro Cappelletto, che, dopo il trionfale debutto dello scorso luglio a Villa Pamphili, ritorna a Roma all’Oratorio del Gonfalone giovedì 13 gennaio 2011 alle ore 21,00. A calcare la scena: Daniela Mazzucato, attrice e soprano, nei panni della “scandalosa” George Sand, che racconta l’uomo Chopin, lo Chopin artista geniale, lo Chopin dall’estrema sensibilità e raffinatezza, lo Chopin compagno di viaggi, lo Chopin della solitudine, lo Chopin con cui condividere segreti e beghe familiari, lo Chopin eroe romantico. Al pianoforte  Marco Scolastra, che accompagnerà la Mazzucato e il pubblico in questo straordinario viaggio musicale e umano.

Il 20 gennaio sarà la volta dell’ Ars Trio di Roma, che fin dal suo esordio nel 2001 si è imposto come una delle giovani formazioni più interessanti del panorama italiano. Laura Pietrocini al pianoforte, Marco Fiorentini al violino e Valeriano Taddeo al violoncello, si cimenteranno in un ricco programma in omaggio a tre grandi compositori a cavallo tra ottocento e il novecento, Giuseppe Martucci, Alfredo Casella e Antonin Dvoràk.

Il protagonista dell’appuntamento di Giovedì 10 febbraio sarà il violinista viennese Rainer Honeck, che eseguirà alcune delle pagine per violino più difficili e intense scritte da Mozart, Schubert, Kreisler e Dvoràk. Ad accompagnarlo al pianoforte,Luisa Prayer.

Imperdibile anche la serata di giovedì 17 febbraio, con il Fabrizio Siciliano Group: una giovane ed eclettica formazione italiana che accompagnerà il pubblico del Gonfalone in un viaggio musicale che parte dall’Europa e arrivava in America latina. Un tracciato di musiche di Richard Galliano, Carlos Gardel, Elvio Monti, Antonio Carlos Jobim ed Astor Piazzolla caratterizzato da lingue e suoni diversi con un denominatore comune: la danza.

Giovedì 17 marzo con Simone Genuini che dirigerà la giovanissima Orchestra Papillon, formata da giovanissimi talenti dai cinque ai diciotto anni.

Non potrà mancare, come è ormai tradizione nella stagione del Gonfalone, una serata con la musica klezmer: giovedì 24 marzo il Gabriele Coen Quintet eseguirà il concerto “Klezmer Night”.

Giovedì 7 aprile Luisa Prayer accompagnerà al pianoforte la voce del soprano americano Mardi Byers, in un libero percorso tra le più spettacolari arie d’opera di Verdi, Rossini e Strauss, mentre giovedì 14 aprile l’Ensemble Mare Nostrum diretta da Andrea De Carlo, eseguirà il raffinato concerto “Canzoni e polifonia francese del XVI e XVII secolo tratte dal loro ultimo lavoro CD inciso con la casa discografica Ricercar che gli è valso 5 Diapons sulla omonima rivista francese.

Il gruppo I Musici, più volte ospitie dell’Oratorio del Gonfalone, chiuderà giovedì 12 maggio la stagione musicale con un omaggio a Nino Rota in occasione del centenario della nascita del compositore. Un omaggio non al Rota cinematografico e televisivo, ma al Rota compositore d’orchestra, di cui verrà eseguiti il Concerto per archi scritto appositamente per I Musici nel 1964.

Questi sono solo alcuni dei 21 eventi che animeranno i giovedì musicali della capitale: 21 serate di grande musica con straordinari artisti che vanno ad arricchire ulteriormente il carnet di una delle istituzioni musicali più importanti di Roma. Numerosissimi sono, infatti, i nomi degli ospiti del Gonfalone dal 1960 ad oggi: Mstislav Rostropovich, Severino Gazzelloni, Bruno Giuranna, Gustav Leonhardt, Frans Brueggen, Uto Ughi,  Bruno Canino, Michele Campanella, Aldo Ciccolini, Mario Brunello, Robert McDuffie. Tra le dive del belcanto, Cecilia Gasdia, Anna Caterina Antonacci, Mariella De Via e Carmela Remigio; tra i cantanti il tenore Giuseppe Sabatini, solo per citarne alcuni.

Articoli scelti per te:

Ti è piaciuto l'articolo? Lascia un commento!

Commenti

commenti