Tempo di lettura stimato: 10 minuti

Norberto Tamburrino – “Lovely tunes”

Norberto Tamburrino – “Lovely tunes”

Norberto Tamburrino – “Lovely tunes” – Art Notes Records
Quando si inserisce nel lettore un disco di Norberto Tamburrino la musica che ne scaturisce è sempre di qualità. Il pianista pugliese non sbaglia un colpo ed ogni suo album aggiunge una perla alla oramai nutrita collana di successi confezionata in questi anni. In “Lovely Tunes” Tamburrino si esibisce in cinque brani da solo e in altri cinque con l’accompagnamento del bassista Francesco Mariella, già suo partner in numerose altre occasioni. Comunque il risultato non cambia: il pianista si esprime sempre su livelli assai elevati evidenziando, come al solito, anche una felice vena compositiva. E bisogna aggiungere che anche in questo caso Norberto ha avuto un bel coraggio nel senso che nell’album, accanto a brani celeberrimi come “My Romance” di Rodgers e Hart, ”It could happen to you” di Burke e Van Heusen, “Easy to love” di Porter, “Ruby my dear” di Monk, figurano sei originals. Il pianista affronta questo variegato materiale tematico con le doti che gli sono più congeniali, vale a dire una sicura padronanza tecnica, una squisita sensibilità, un gusto originale sia per la melodia sia per l’armonia, e l’assoluta sicurezza nell’improvvisazione. Di qui una musica che si sviluppa in modo omogeneo, sicuro passando senza alcuna apparente difficoltà dallo swing al anni cinquanta fino a giungere ai giorni d’oggi evidenziando quella enciclopedia cultura pianistica che, unitamente alle caratteristiche prima descritte, fanno di Tamburrino un interprete di primo del jazz made in Italy.

Articoli scelti per te:

Ti è piaciuto l'articolo? Lascia un commento!

<< Pagina precedente

  1. Page 1
  2. Page 2
  3. Page 3
  4. Page 4
  5. Page 5
  6. Page 6
  7. Page 7
  8. * Tutto in una pagina *
Pagina successiva >>

Commenti

commenti