Martedì 7 marzo a Officine San Giovanni

Tempo di lettura stimato: 1 minuto

 

Proseguono con successo le Guide all’Ascolto presso “Officine San Giovanni” in Largo Brindisi.

Martedì 7 marzo sarà la  volta del “Dynamic Duo” ovvero Nicola Mingo alla chitarra e Ettore Carucci al pianoforte . I due saranno impegnati in un omaggio a Wes Montgomery, uno dei più grandi chitarristi della storia del jazz che ha influenzato più di una generazione di musicisti.

Mingo si è oramai caratterizzato, nel variegato panorama jazzistico europeo, come uno dei migliori chitarristi bebop oggi in attività, con un’ intensa ed ampia produzione discografica (7 CD a suo nome) ed una rilevante  presenza nell’ambito di jazz e rassegne nei migliori jazz club di Italia. Il suo fraseggio, a note staccate, risulta sempre quanto mai fluido e originale, memore dell’insegnamento dei grandi del jazz e quindi in grado di coinvolgere l’ascoltatore in un viaggio nel tempo di straordinario fascino.

Pianista jazz e compositore, Ettore Carucci si diploma in pianoforte classico; grazie a questa solida base e alla sua versatilità si cimenta nel mondo del jazz con eccellenti risultati. A riprova basti citare le sue collaborazioni con  jazzisti di fama internazionale quali Benny Golson, Gerry Bergonzi, Eric Marienthal, Tom Kennedy, Philip Catherine, Sonny Fortune, Tony Scott, Kim Plainfield, Lincol Goines, Anne Ducros, Paolo Fresu, Gegé Munari, Giorgio Rosciglione, Maurizio Giammarco, Marco Tamburini, Dario Deidda, Roberto Gatto, Fabrizio Bosso, Alfredo Paixào …

Negli arrangiamenti e nelle composizioni il duo prende spunto dall’ interazione piano -chitarra, tipica della grande tradizione del jazz  storico, di cui sono esempio le oramai mitiche collaborazioni tra Jim Hall e , Joe Pass e Oscar Peterson, Wes Montgomery e Harold Mabern, George Benson e  Herbie Hancock.

L’interplay tra i due strumentisti prevede un interscambio di unisoni, fraseggi ritmici, bass lines e comping; e, più in particolare, è caratterizzato da  fraseggi tipici dello stile bebop ed hardbop (Mingo) e da improvvisazioni ritmiche, unite a melodie ed armonie contemporanee ( Carucci).  Nello scambio delle parti tra chitarra e pianoforte si vengono a creare effetti ora di tipo polifonico ed orchestrale, ora di perfetta fusione armonica, ritmica e melodica, in una totale libertà improvvisativa e creativa.

Il programma della serata prevede quindi l’esecuzione di alcuni tra i più celebri brani composti da Wes Montgomery ,quali “Jingles” , “Four On Six”, “The Thumb”, “Road Song”, e  brani originali di Nicola Mingo contenuti nel suo ultimo lavoro discografico “Swinging” (Universal –Emarcy Jazz) come “My Bop”,   “Black Horse” e “New Song”.

 

Articoli scelti per te:

Ti è piaciuto l'articolo? Lascia un commento!

Commenti

commenti