Intervista raccolta da

Tempo di lettura stimato: 6 minuti

Foto Daniele Maglie

Intervista raccolta da Daniela Floris
Foto di Daniele Maglie

Come stai vivendo queste giornate? 

Abbastanza bene, mi sento molto fortunato in questa situazione perché ho famiglia con moglie e due figli che amo molto,  in comoda casa con giardino ampio, e questo mi permette di soffrire meno di chi è solo o vive in appartamento.


Come ha influito sul tuo lavoro? 

In realtà sono annoverato tra i musicisti che di solito passano diverse ore al giorno al pianoforte per praticare, studiare, scrivere, arrangiare, insegnare (su Skype), quindi la vita in generale non è cambiata più di tanto.

 

Pensi che nel prossimo futuro sarà lo stesso? 

Sono molto preoccupato dal punto di vista economico, non so. Credo però che, nella più ottimistica previsione, per noi musicisti il 2020 sia un anno che “salta”…

 

Come riesci a cavartela senza poter suonare? 

In effetti, tra tutte le cose elencabili, quella che sicuramente mi manca di più è il contatto col pubblico durante i miei live. E, ripeto, anche per quanto concerne l’aspetto economico è durissima: ci è venuto a mancare in un attimo sia la possibilità di ottenere performances che lezioni live o seminari/workshop. Non a tutti piace Skype: molti allievi rinunciano o sospendono.
Per quanto mi riguarda sto cercando di esibirmi sul web da casa con “concertini” veri e propri e per quanto riguarda le lezioni uso Skype, insomma, con l’ausilio del web, come fanno adesso moltissimi colleghi, .


Quanto risulta importante vivere insieme alla tua famiglia? 

Molto imporante: per carattere, sono un “comunicativo”, e anche piuttosto gioioso, non riesco a stare da solo per lunghi periodi, dopo un pò mi mancano le persone.

 

Pensi che questo momento di forzato isolamento ci indurrà a considerare i rapporti umani e professionali sotto una luce diversa?

A questa domanda non so davvero cosa rispondere…da una parte mi sento di dire di SI’, perché sicuramente usciremo molto “scottati” da questo isolamento e niente sarà più come prima, in primo luogo nei rapporti umani e professionali. Sicuramente, almeno in una fase iniziale, ci sarà molta più solidarietà tra le persone… dall’altra spero che , dando per scontato che tutto questo presto finirà, dopo una prima fase di “attenzioni” l’essere umano non si faccia coinvolgere di nuovo dalla pigrizia, dall’essere “viziato”, dal tornare a dare per scontate cose come affetti e legami professionali, o anche solo il potersi riabbracciare o stringere una mano.

Credi che la musica possa dare la forza per superare questo terribile momento?

Assolutamente sì Suonare per me è vera e propria linfa quotidiana (passo almeno 3-4 ore sul piano ogni giorno), come una pianta che annaffio e curo giornalmente. Credo però che tutto questo periodo così allucinante abbia fatto capire a tutto il mondo quanto possa essere noiosa la vita senza l’Arte. Non credo esista persona che, dopo 40 giorni di isolamento, non abbia “frenato” e si sia messo di più in ascolto di se stessa e abbia letto di più, ascoltato più musica o qualsiasi altra cosa inerente ad Arte e Cultura.

 

Se non alla musica, a cosa ci si può affidare? 

Credo che ci siano molti modi oltre la musica per cercare di superare questi momenti difficili per tutti. Io ad esempio pratico meditazione ogni giorno, con effetti impensabili sulla mia “centratura” e concentrazione, ma anche lo yoga o fare attività fisica (chi ha spazi) o, come dicevo prima, leggendo e studiando qualcosa di nuovo. Cercare e “cercarsi”.

 

Quale tuo progetto è rimasto incastrato in questa emergenza e vuoi segnalare? 

Da 2 anni circa sono seguito come dall’agenzia Stilnovo capitanata da Vincenzo La Gioia, mio manager, agente e caro amico, con cui in questa prima fase di lavoro avevamo seminato tantissimo sia a livello strategico che a livello artistico e, di conseguenza, di ingaggi. I diversi progetti che abbiamo messo su, non senza grandi riflessioni e dovizie di particolari, stavano funzionando a meraviglia con concerti in tutta Italia. Segnalo il mio “B.A.T JAZZ TRIO” , con Luca Bulgarelli al contrabbasso e Lorenzo Tucci alla batteria: dovevamo registrare in questo aprile. Il progetto punta sul tema parodistico della Gotham di Batman del “salvataggio della specie”: io sono Batman, Robin è Lorenzo Tucci,  e con Alfred, che è Vincenzo La Gioia, cerchiamo di riportare l’ordine in città soprattutto dalla minaccia di Luca Bulgarelli, il Joker, che è pericolosissimo!)
La scaletta è davvero varia, da brani miei originali a brani pop, rock e di grandi autori come Mozart, Pink Floyd, Petrucciani, Metheny, Mc Coy Tyner e standards.
Ma c’è anche il mio duo con Javier Girotto in un progetto molto melodico e basato su nostre musiche originali, il duo con il trombettista Andrea Tofanelli (come me di Torre del Lago Puccini, dove entrambi abbiamo residenza) sulle arie di Giacomo Puccini rivisitate in chiave jazz: in particolare questa è una operazione che svolgo in piano solo dal 2005 con molti concerti sia in Italia che all’estero) e di cui abbiamo un CD in prossima uscita mondiale dal titolo “OperiAmo”.
Inoltre ci tengo a segnalare i miei altri duo: con la bravissima cantante Sara Della Porta col progetto sul Songbook americano, con Gabriella Zanchi, soprano e attrice, su un suo progetto ancora legato all’Opera in jazz, e infine con Maurizio Rolli, eccellente bassista pescarese, con cui stavamo per l’appunto per varare un progetto davvero interessante per noi 50enni: rivisitare le sigle dei grandi telefilm che hanno caratterizzato la nostra infanzia, da Belfagor, a Star Trek, a Spazio 1999 ad Arsenio Lupin, e così via.
Direi che sono tutti rimasti incastrati proprio nel momento in cui eravamo, io Vincenzo e tutti i musicisti nominati, davvero entusiasti e lanciatissimi!
Ma sono sicuro che non appena tutto si riaprirà, sapremo ritrovare subito quel “mood” e riniziare a fare l’attività che amiamo.

 

Mi racconti una tua giornata tipo? 

Generalmente la mia vita, in condizioni di normalità, è divisa tra quando sono in giro a suonare e quando sono a casa, due dimensioni completamente diverse.
Se sono a casa ho molte ore impegnate nell’organizzazione domestica, quindi tempo per moglie e figli, spesa, pulizie: ma cerco di trovare sempre tre o quattro ore ogni giorno per praticare, arrangiare, comporre, scrivere parti per i musicisti.
Inoltre insegno dal vivo e online da casa.
Quando sono in giro per concerti invece mi lascio completamente avvolgere dall’atmosfera della trasferta/concerto, che dopo 30 anni per me riveste ancora il carattere dell’ ignoto ogni volta, perché devo concentrarmi totalmente su tutti gli aspetti pratico-logistici (in cui sono una frana) che mi a-spettano, oltre ovviamente a preparare fisicamente e mentalmente un concerto.
In questa quarantena forzata la mia giornata tipo parte a metà mattinata (approfitto della non-scuola per dormire un po di più) in cui faccio lavori domestici, aiuto i figli nei compiti, cucino,faccio meditazione, mi godo la casa. Il pomeriggio talvolta ho lezioni online ma perlopiù studio e mantengo le dita (e la testa) in allenamento. Dopo cena leggo o guardo film/serie tv con moglie e figli poi, dalle 23 in poi, vado nel mio studio e lì inizia la vera fase del “mio” rilassamento, in cui mi dedico all’ascolto della musica, non solo jazz, e questa fase può durare anche diverse ore.  Vado a letto tardi, lo so… ma mi è necessario per nutrire la mia insaziabile voglia di conoscere mondi e modi di suonare che possano ispirarmi e anche curiosità di essere sempre aggiornato su tutto quello che succede nel mondo tra i musicisti, anche grazie ad internet che, tra i suoi pregi, permette oggi di essere connessi con tutto in un attimo.

 

Se avessi la possibilità di essere ricevuto dal governo cosa chiederesti? 

Di cancellare ed annullare per sempre la famosa frase “con la Cultura non si mangia”, pronunciata anni fa da un altrettanto famoso politico.
Con la Cultura a mio avviso si mangia (specie in Italia, e si mangerebbe molto, se volessimo e loro lo sanno) e soprattutto si “respira”. Basta vedere oggi, nel pieno dell’emergenza Coronavirus e in cui le persone hanno più tempo libero, quanto “fame” si ha in più di leggere, migliorare la propria cultura personale o crescita individuale o voglia di leggere, ascoltare musica, guardare documentari, cucinare. Noi italiani abbiamo date per scontate troppe cose in cui siamo tra i primi al mondo, ed è venuto il momento di riappropriarsene.

 

Hai qualche particolare suggerimento di ascolto per chi ci legge in questo momento? 

Non credo di essere la persona adatta per consigliare ascolti specifici perché il mio problema è che mi piace tutta la bella musica, o perlomeno quella che io ritengo tale. Ma il mio gusto è talmente a 360° che faccio fatica a suggerirne uno in particolare. Anche dal punto di vista jazzistico ho un’idea molto ampia su questo genere, mi sento molto “aperto” sia al mainstream che alle sperimentazioni o fusioni. Anzi, non ho mai in realtà considerato il jazz come un “genere” ma altresì un “linguaggio” che si impara e si può applicare a qualsiasi ambito.
Come ho accennato più su da molti anni ad esempio porto in giro una mia particolare rivisitazione di brani d’Opera in chiave jazz, basata soprattutto su compositori italiani quali Puccini (il mio conterraneo d.o.c.) Verdi, Rossini, Mascagni, Leoncavallo, ed altri.

 

Articoli scelti per te:

Ti è piaciuto l'articolo? Lascia un commento!

Commenti

commenti